Sanremo (perché non si è mai abbastanza lontani per Raiplay)

Oh finalmente è arrivato Sanremo.

Ero un po’ preoccupata di non riuscire a vederlo quest’anno.

E invece no, grazie Mamma Rai. (E Raiplay)

Ecco le mie pagelle. (Sì, ne sentivate tutti il bisogno, lo so).

 

Continua a leggere “Sanremo (perché non si è mai abbastanza lontani per Raiplay)”

Virgh per il sociale: per tirarsi su

Questo è quel periodo dell’anno in cui uno inizia a fare i conti con se stesso e con le sue mancanze. Ecco una lista di personaggi che non dovrebbe farvi sentire sconfitto se quella precisa meta non l’avete (ancora) raggiunta.

 

 

Naturalmente se nella vostra vita non aspirate né a Sanremo né a Miss Italia, né alla fama… dopo il sollievo di sentire che non siete gli unici a cui le cose non vengono subito bene alla prima, beh,  mi sa che conviene rimboccarsi le maniche.

First Education:
Non c’entrava niente, ma mi fa ridere.

Il papà di provincia

Sabato sera: arriviamo un po’ sfranti all’orario della cena.

(Inizio ampio cappello introduttivo)

Io sono atterrata a Bergamo venerdì pomeriggio (dopo quattro ore e mezza di volo), e lì, nel diluvio (che come benvenuto dopo i venticinque gradi canari non è male) mi ha infilata in macchina CON QUARANTA MINUTI DI RITARDO in mezzo ai bagagli un Orso in piena Supercazzola emotiva. (Io: “Ma si può sapere dov’eriii???”; Lui: “In parcheggio, ero”; Io: “Come in parcheggiooo??? Ma se ieri mi hai detto Ti vengo a prendere all’aeroporto!!!”Lui: “Eh, appunto, ero al parcheggio dell’aeroporto”, Io: “Ma come al parcheggio!? E io come faccio a saperlo!? Se mi dici che mi vieni a prendere all’aeroporto io capisco agli ARRIVI dell’aeroporto! Sennò non dirmelo! C’è un’uscita sola per gli Arrivi a Bergamo!!! Non è difficile!!!”, Lui: “Eh, ma pioveva!”.

Siccome potrei avere materiale per il Corso per Fidanzati Paraculo di Fidanzate Puntigliose per almeno i prossimi vent’anni – puntata “La Supercazzola per scusarsi di una immonda figuraccia” e puntata “Come reagire ostentando sicurezza e negando l’evidenza”- lascio perdere, credo basti.

Per il momento.)

Da lì ci siamo diretti senza passare per il via a Siena, anzi, nella ridente provincia di Siena.

Non ci vedevamo da una settimana. Diluviava.

E io (per la Supercazzola di cui sopra) ero incancrenita come una biscia.

Tra l’altro, entrambi per un motivo o per l’altro (io in volo dormivo, lui a casa lavorava. Sì, ora non venitemi a dire che c’è una disparità di occupazioni e quindi lui poverino, perché no. No. No. Capitoooh?!) avevamo saltato il pranzo.

Un viaggio veramente piacevole. Che dire.

Io, immusonita e velenosissima, fissavo con freddezza le gocce sul finestrino. Lui guidava.

Orso, come dice il nome, non è una persona loquace.

Io ero così incavolata che opponevo uno strenuo ostile silenzio ad ogni timida richiesta di fare conversazione.

Allora, ti sei divertita alle Canarie?” (Carta della “Bella vita, la tua!”)

Mh. Bah.

(Pausa)

Allora, quale canzone vincerà Sanremo?” (Colpo da Maestro. Sanremo è una delle poche debolezze che AMMETTO)

Mh. Boh.

(Pausa)

Hai già visto cosa potremmo vedere nei prossimi giorni?” (Altro colpo da Maestro: farmi credere che l’organizzazione culturale del viaggio dipenda tutta da me, affidandosi speranzoso e scodinzolante)

Mh. Te l’avevo condiviso sul Drive.”

(Pausa)

Quattro ore di strada (ricordo: diluviava, e nel frattempo s’era fatto buio)  si preannunciavano amene.

All’altezza di Roncobilaccio è sbottato.

Hai ragione. Ho sbagliato. Sono un Orso.

E va bene, con riluttanza (seeeh) ho cominciato a blaterare di Canarie, Sanremo e posti da visitare nei giorni successivi.

Poi ci siamo fermati davanti all’albergo (albergo? Ok, è riduttivo, la dimora quattrocentesca) che l’Orso aveva prenotato per la notte e un pochino di più è stato perdonato.

(Io non sono solita pubblicare foto, anche perché non so farle. E non ho mai dato informazioni precise di luoghi nel blog, per politica personale. Ma questo posto merita davvero di essere conosciuto. Punto.)

Siamo usciti nel minuscolo borgo alla ricerca di un posto per cena, e un ristorante con un’etichetta rossa con su scritto Michelin ci ha aperto le porte. La gentile cameriera ci ha rincuorato “Stanno pulendo la cucina ma forse qualcosa alla griglia ve lo possono ancora fare”. Alla tagliata l’Orso è stato un altro pochino perdonato.

La mattina successiva ci siamo svegliati presto, abbondante colazione, bagagli re-inseriti in macchina e abbiamo scarpinato tutto il giorno. Posti magnifici, così vicini, che da tanto tempo tenevo tra i desiderata eppure ancora inspiegabilmente non visitati.

(E qua, sì, ce la devo mettere una foto, perché forse quella che mi è venuta meglio in tutta la mia vita.)

12729700_827364430722852_1379175642_n

(E ovviamente non dipende manco da me, ma dal paesaggio. Li morté.)

Giù per l’Orcia, poi lago, sosta pranzo con vista lago (un altro pochino Orso è stato perdonato anche qui), Lazio e siamo arrivati a Viterbo. Il check-in più lungo della storia e finalmente camera.

Giro veloce nella piscina termale riscaldata all’aperto, saliamo in camera, guardiamo l’ora e… ops: forse dovremmo cenare (e anche in fretta, mica ci vorremmo perdere la finale di Sanremo!?). Ci vestiamo di malavoglia e usciamo.

Ed eccoci all’inizio del racconto. (No, ma un cappello più lungo non ti veniva, vero? A me piace contestualizzare, va bene!?)

(Fine ampio cappello introduttivo).

Entriamo in una trattoria alla buona, piena di gente, di bambini, passeggini, camerieri indaffarati. Ci dicono che tra un quarto d’ora (unità di tempo che scoprirò essere un bluff) un tavolo si libererà.

L’Orso che è stato viziato dalla città troppo a lungo con invidiabile savoir faire afferma: “Bene, allora ci prendiamo un aperitivo al bancone”.

Dopo essere stato squadrato con malcelata ironia da tutti gli astanti, si avvicina al bancone. Per scoprire che non è affatto pensato per “prendersi gli aperitivi”, ma per appoggiarci i vassoi con i bicchieri e far da tramite con i camerieri ai tavoli.

Stretti e spintonati, finalmente ci sediamo.

Il menù è invitate: porcini e tartufi come se la crisi non esistesse, prezzi popolari, allegria. C’è pure il cruciverba sulla tovaglietta per intrattenere i più piccoli.

I più piccoli.

Eh già.

Davanti a noi si erge una tavolata formata da otto coppie, tre bambini, due passeggini, quattrocentododici ipad.

Li osserviamo (per forza, non trasmettono Sanremo, dovremmo pur intrattenerci!) e noto che le mamme sono tutte da questo lato del tavolo e i papà sono tutti dall’altro. Le mamme si barcamenano tra conversazioni lasciate a metà, a tre quarti, parole non finite con le amiche mentre prendono in braccio i figli, cambiano i video sullo schermo per tenerli buoni, mandano urla inquietanti non appena gli infanti si allontanano: “Marianna torna qui!“, “Marianna non dare fastidio ai signori!“, “Marianna vieni!“, “Vieni da mamma, bella!“. Le amiche non mamme, tra l’imbarazzato e il rassegnato cercano di intrattenere i bimbi come meglio possono, li tengono in braccio a turno, fanno le faccette mentre le mamme provano a conversare.

Ad un certo punto mi accorgo che i papà sono spariti.

E da un po’. Nel lato della tavola insediato dalle mamme tutto procede senza accusare l’assenza dei papà.

“Papà di provincia”, dico io all’Orso.

Erano verosimilmente fuori a fumare. Molto probabilmente, a giudicare dalle differenze d’età tra i padri e dall’omogeneità in quella delle madri, erano uniti dal fatto di avere delle compagne/mogli amiche tra loro.

Per non essere degli amici sono comunque stati fuori un bel po’.

Ad un certo punto rientrano.

Nella zona mamme non si avverte nessun mutamento. Continua il solito tran-tran di figli in braccio, figli in braccio all’amica, cambio video su youtube, cambio gioco su ipad, “Marianna torna qui!“, senza minimamente interpellare i padri.

I quali, dalla loro posizione, non si preoccupano minimamente di essere interpellati. Uno, tornando, si avvicina alle madri con un timido “Tutto bene qui?” con la stessa indifferenza educata del cameriere, ricevuta risposta affermativa, si va a sedere con i com-padri.

Gli uomini ordinano amari e caffé.

Le donne prendono in braccio, cambiano video su youtube, “Marianna vieni da mamma“, cercano di conversare.

“Papà di provincia”, sospiro io.

Senza giudizio negativo, credo sia un fenomeno che si verifica per vari motivi:

  • social network in cui le mamme fanno a gara ad essere più brave, con conseguente bullismo a quelle “inette”
  • papà che vengono considerati inetti a prescindere, e vengono lasciati ai loro discorsi da “uomini”
  • Stress generale ed apprensione incontrollabile, che viene inculcata alle donne dalla gravidanza
  • Pericolo percepito maggiore del pericolo reale (soprattutto in provincia, dove ci si conosce quasi tutti e cosa potrà mi capitare a due tavoli di distanza in pizzeria)
  • Sensazione di inadeguatezza ed insicurezza femminile per cui si cerca rivalsa “sulle altre” con ogni mezzo. Elevando a “progetto di vita” qualsiasi cosa che in realtà nella vita “capita” (perché fa parte della vita) e basta. Laurea, Matrimonio, Figli.
  • Sentirsi in prima linea su tutto, quindi al fronte, quindi in trincea a combattere. Diventando agguerrite, temibili, sconquassate e, infine, fatalmente, acide.
  • Uomini che ci provano a comportarsi come la società gli dice, ma che vengono lasciati al margine dalle donne che si sentono “investite” del ruolo di “quella che deve fare tutto”
  • Uomini che ad un certo punto trovano più comodo assecondare l’andamento, confortevole, rasserenante e per nulla supplice nei loro confronti.

 

Dopo aver fatto le mie considerazioni e sospirato mi giro verso l’Orso.

All’Orso brillavano gli occhi.

 

Sussurra con brama “Il papà di provincia!”.

Aveva appena trovato la sua massima aspirazione nella vita.

Sanremo dall’estero (Perché Sanremo è Sanremo)

Questo è il primo anno in cui TUTTA la mia famiglia è fuori dall’Italia durante il Festival di Sanremo.

Io, che sono la più piccola di tutti, come spesso succede sono anche quella più legata alle tradizioni. E Sanremo non me lo sono mai persa, MAI.

Ricordo quando ero piccolina, avrò avuto otto anni circa, e mia mamma aveva contravvenuto alla inscalfibile regola “alle nove tutti a dormire” (sì, è stata un’infanzia sotto dittatura) (quando all’università ho scoperto che esisteva mezzanotte ed esistevano l’una, le due, le tre di notte è stata una sorpresa così grata che non le ho più abbandonate. Mai più) per logoramento perpetrato da me e mia sorella (allora dodicenne e all’epoca già famosa per l’insopportabile stakanovismo nel lavoro ai fianchi) che volevamo guardare i superospiti di Sanremo: i Take That.

L’accordo era che saremmo andate a dormire e poi mia mamma ci avrebbe svegliate quando arrivavano sul palco dell’Ariston.

Quando ci svegliò ovviamente erano già scesi dalla scalinata e avevano già iniziato a cantare. Ma era stato bello comunque.

Per due minuti, perché poi la canzone era finita e Pippo Baudo si era avvicinato per intervistarli, regalandoci la prima delusione dello showbiz della nostra prepubertà.

I Take That, che erano tutti bellissimi, bravissimi, intonatissimi e altissimi erano in realtà dei nanerottoli.

(Sì ok, a riguardare ora quelle immagini si nota anche un dubbio gusto nel vestire, ma vorrei ricordare che gli anni erano questi: in televisione girava gente così, o così, insomma era quest’anno qua e se ancora questa foto non vi dice niente e vi sembra che boh, fosse in fondo ieri, beh, era anche quest’anno qua. Vestirsi di quadri e maglioni larghi mi sembra il meno.)

 

E poi mi ricordo quell’anno di allegra disperazione, tra il ritorno dalla Spagna e la partenza per la Turchia in cui tutto mi sembrava conosciuto ma inafferrabile, e stavo in quella stanzina minuscola tra aspirapolvere e valigie a guardare la Clerici inguainata di nero che ballava con Sinclair

Oppure di quell’anno in cui me lo sono guardato dal divano con mamma, e siccome mi sembrava noioso seguivo i commenti sul Daveblog per farmi due risate.

Insomma per me è vero lo slogan: Perché Sanremo è Sanremo.

Molte delle mie canzoni preferite di tutti i tempi vengono da Sanremo, e le mie canzoni preferite di quando ero piccolina sono proprio sanremesi.

Detto questo, da quando vivo all’estero, quindi da nove anni circa con pause di passaggio in Italia, per me Sanremo non è sempre facile da seguire. (Grazie mamma Rai che pensi a noi italiani all’estero, e io non ce la faccio ma quando Conti ha detto un velocissimo “Salutiamo gli italiani che ci guardano dall’estero!” mi sono commossa, ma vabbè, sono io che sono una ragazzina fragile!)

E comunque siccome anch’io sono un’abile lavoratrice ai fianchi, ho convinto il resto della mia famiglia sperduta a guardarselo pure quest’anno, e poi commento con loro.

Sanremo dà anche il via a cambiamenti inaspettati.

I ruoli si invertono:

Io: “Ma la Tatangelo s’è rifatta?”

Orso: “Uh guarda si è tagliata i capelli!”

Il rapporti familiari si invertono:

Io che mando messaggio al fratello (presso cui alloggiano i miei genitori)

“Dì ai TUOI genitori che non provino più a chiamarmi DURANTE Sanremo, ma dico, stiamo scherzando!?”

Fratello: ” i genitori si scusano”

 

L’Orso rispolvera il dialetto madrelingua:

– E mò chisti chi ssò?  Parono ù frate dù cazz’!

(Erano I Soliti idioti)

Oppure di rinfrescare le sue conoscenze musicali:

Orso: “Ma chi è Nesli?”

Io: “Il fratello di Fabri Fibra”

Orso: “Mannaggia, m’aggio perso”

Seconda serata

Orso: “E chi è stù Nesli?”

Io: “Sempre il fratello di Fabri Fibra, Orso”

Orso: “Mannaggia m’aggio perso n’ata vota”

L’Orso fa scoperte:

Orso: “ma è morto pure Faletti?”

L’Orso fa pronostici:

“Questo qua in mezzo [al trio Il Volo] finirà devastato dalle droghe”

Insomma, come dice Carlo Conti…

Tutti amano Sanremo.