“Nunca te acostarás sin saber una cosa más”*: La Melbourne Cup

Oggi ho imparato a conoscere un evento di cui non avevo mai sentito parlare: la Melbourne Cup. In questi mesi avevo trovato dei volantini che pubblicizzavano l’evento con menù dedicati  in quasi ogni ristorante o bar dove sono entrata. Ma nella mia testa era scattata l’associazione: Australia (Paese abitato soprattutto sulle coste) + Novembre (quasi…

Vota:

Il papà di provincia

Sabato sera: arriviamo un po’ sfranti all’orario della cena. (Inizio ampio cappello introduttivo) Io sono atterrata a Bergamo venerdì pomeriggio (dopo quattro ore e mezza di volo), e lì, nel diluvio (che come benvenuto dopo i venticinque gradi canari non è male) mi ha infilata in macchina CON QUARANTA MINUTI DI RITARDO in mezzo ai…

Vota:

L’ansia di mettere ✓

A marzo, in Armenia ho conosciuto un ragazzo spagnolo. Io con gli spagnoli, “per fortuna purtroppo” (come diceva Irene Grandi) vado d’accordo. (Sì, lo so, solo citazioni d’alto livello in questo blog). E così, passeggiando per Yerevan il tizio mi dice che ha l’ansia di vedere più cose possibili in quella settimana in Armenia. Ora,…

Vota:

Sanremo dall’estero (Perché Sanremo è Sanremo)

Questo è il primo anno in cui TUTTA la mia famiglia è fuori dall’Italia durante il Festival di Sanremo. Io, che sono la più piccola di tutti, come spesso succede sono anche quella più legata alle tradizioni. E Sanremo non me lo sono mai persa, MAI. Ricordo quando ero piccolina, avrò avuto otto anni circa,…

Vota:

Fenomenologia degli auguri di compleanno

Come in questo blog è stato ampiamente sponsorizzato, qualche giorno fa sono diventata trentenne (non dico più orgogliosa trentenne dal momento che l’altroieri uno studente mi ha chiesto: “ma Lei quanti anni ha? TrentaSETTE vero?” E mi sono trattenuta dalle punizioni corporali non solo perché sono ormai vietate in tutti gli stati civili ma anche…

Vota:

Io, se mi trovassi, mi sposerei

Allora sono un po’ emozionata. Stasera porto l’Orso in un posto a lui sconosciuto (lo scoprirà solo all’imbarco) per quattro giorni. Ho fatto tutto da sola e sono riuscita a mantenere il segreto! (E una fitta corrispondenza con la cara receptionista dell’albergo che mi considererà una pazza o una cretina… “ciao, vorrei fare una sorpresa…

Vota:

Ca te vegnesse (“ci devono arrivare per merito, non per sesso” ). L’8 Marzo vien di notte con le scarpe tutte rotte.

Ci sono dei momenti (tipo questo) in cui mi chiedo quando e cosa abbiamo sbagliato nell’educazione italiana per produrre elementi con pensieri del genere. Mi sembra evidente che nei posti di alto livello in Italia ci siano pochissime donne. E’ altrettanto ovvio che nessuna legge cambierà la mentalità delle persone (“Ci devono arrivare per merito,…

Vota:

Dev’essere terribile

Insomma è passata una settimana da quando ho iniziato a fare (per niente) frequenti spostamenti dal cuscino uno al cuscino due del divano fino al letto, dal letto al cuscino uno del divano, così, senza soluzione di continuità. Stavo benissimo. Ma giovedì sera, a soli quattro giorni dall’inizio del mio personal training in fancaz*ismo (non…

Vota:

Stare tra gli expat

E’ un sentimento credo comune quello che mi trovo a vivere recentemente. Il fatto di avere abitato in vari posti ha finito, per comodità dell’interlocutore, certo, per definirmi rispetto alla provenienza. In realtà, credo che da sempre la gente si sia sentita identificata con la sua provenienza, e gli emigranti ancora di più. Ma ha…

Vota: