Virgawards n° 18: vagheggiare pallido e assorto

Si aprono le belle giornate, mi dicono, là nella parte Nord del mondo. Bene per voi. Avrete un sacco di tempo da passare sui prati a vagheggiare. Ecco quindi la consueta lista di articoli interessanti da leggere. (Oh Mon Dieu! Ma sono quasi tutti in italiano, ma cosa ci sei andata a fare in Australia … Leggi tutto Virgawards n° 18: vagheggiare pallido e assorto

La rivincita dell’esibizionismo sulla timidezza

Negli ultimi tempi (e dato che ho pensieri che ci mettono ere geologiche a formarsi, per me sono da considerarsi gli ultimi quattro o cinque anni) ho notato come siano scese sempre più in basso - nella percezione collettiva - delle caratteristiche a me molto care: la timidezza e il senso della vergogna. Non le … Leggi tutto La rivincita dell’esibizionismo sulla timidezza

Post di servizio: datemi dei consigli!

Mentre preparo una lunghissima e succosa (e probabilmente ultima) puntata di "Non sapevo di dovermi sposare", scrivo questo post di servizio (come li chiamava Dave di Daveblog all'epoca che fu e qui giravate tutti col nokia in tasca e come si stava bene e l'erba cresceva rigogliosa e qui era tutta campagna e ti assumevano … Leggi tutto Post di servizio: datemi dei consigli!

“La tua instancabile voglia di lavorare”

Ci è voluto un anno. Per non riuscire a dormire e dire: "E' passato un anno. Ok. Ma dov'ero l'anno scorso?" E così mi sono ricordata di una grigliata in terrazza a casa di un'amica. "Amica", mi sono ripetuta, mentre ormai rassegnata mi spostavo verso il divano ("Ok, stanotte non si dorme"), così amica che … Leggi tutto “La tua instancabile voglia di lavorare”

Perché siete così ostili?

Seguo varia gente su Twitter e non ho potuto fare a meno di notare come nei 140 caratteri sia molto più facile scrivere in modo ostile. Chi ha molti seguaci è in genere qualcuno che ce l'ha con il mondo. E per emergere non devi solo "avercela" con il mondo, devi anche usare l'esagerazione, l'ironia … Leggi tutto Perché siete così ostili?

(Ma perchè non fate) Idee di pubblica utilità

(Ovvero cose che mi chiedo perché non le abbiano ancora inventate) - Sedili al cinema reclinabili con poggiapiedi - Assorbenti a forma di pene - Volume a intuizione: la suoneria del telefono,  il pc con suoni nei momenti inopportuni? Ci pensi e lui si zittisce - Valigie con ciabattine incorporate - Noleggio di cuscini e … Leggi tutto (Ma perchè non fate) Idee di pubblica utilità

In incognito (“Don’t be that guy!”)

Dritta al punto: mi sembra di essere in incognito. Ogni volta che conosco qualcuno di nuovo, temo sempre di fare la figura della saccente, dell'arrogante, della presuntuosa, di quella che ha visto-ha fatto- ha capito tutto dalla vita. Tempo fa avevo letto un decalogo per i ragazzi che viaggiano con lo zaino in spalla e … Leggi tutto In incognito (“Don’t be that guy!”)

Intervista: allora questa Australia?

Intervistatore*: - Allora Virgh, non nascondiamoci dietro ad un dito: abbiamo visto che i tuoi ultimi post sono liste ma è da tanto che non "dici" niente. Manca solo che parli delle previsioni del tempo e poi siamo a posto. Sono ormai passati tre mesi da quando ti sei trasferita in Australia, com'è questa vita … Leggi tutto Intervista: allora questa Australia?

Come rendere questo tempo produttivo?

"Devi dimostrare qualcosa a qualcuno?" mi aveva chiesto mio fratello un giorno al parco, durante il periodo inglese. Era un giorno in cui non mi sentivo molto in forze, o, forse, ne sentivo fin troppe, ma tutte opposte e nello stomaco. Il pensiero dell'anno universitario da frequentare in Inghilterra, il trasloco dalla Svezia, il bisogno … Leggi tutto Come rendere questo tempo produttivo?

E poi ci sono certe sere

C'era una vecchia canzone dei Neri per caso che diceva "Se tu stasera ti senti sola, e il futuro ti fa un po' paura..." che forse servirebbe da colonna sonora, ma è meglio non ascoltarla, per paura di mettermi a singhiozzare o semplicemente a tirare su col naso, cercando di fare meno rumore possibile, per … Leggi tutto E poi ci sono certe sere