Che bello, piove!

Dopo giorni di caldo soffocante ("Non smetterà di fare così caldo fino a fine febbraio, ha gracchiato tronfia la voce del radiogiornalista l'altro giorno") oggi piove. Tuoni, lampi, boati del cielo, ticchettio delle gocce sui vetri: ah, che pace. Non avrei mai immaginato di sentirmi così sollevata e grata per la pioggia... come cambiano i … Leggi tutto Che bello, piove!

Virgawards: personal edition

Siamo al 20 dicembre. Credo di aver imparato delle cose importanti quest'anno, e vorrei portarmele in valigia per l'anno prossimo. la gratitudine: è successo un mesetto fa.  Era tardo pomeriggio, avevo finito di lavorare e invece di scendere in fretta dall'autobus per fare la spesa e andare a casa, sono andata in spiaggia. Mi sono tolta … Leggi tutto Virgawards: personal edition

Meraviglia: fragilità immaginata che fa trattenere il fiato e si trasforma in applauso

Qualche giorno fa sono andata al circo. E, come sempre, mi sono commossa, emozionata e ho applaudito con tantissimo (sì, venire al circo con me è più imbarazzante che andarci con una bambinetta di cinque anni, regredisco completamente) entusiasmo. Da bambina mi affascinavano i colori, mi colpiva l'odore, rimanevo imbambolata a fissare dettagli inutili come … Leggi tutto Meraviglia: fragilità immaginata che fa trattenere il fiato e si trasforma in applauso

Sei piena di vita

Ho passato quarantotto ore molto articolate, in cui ne ho dormite sei in totale con in mezzo: una festa molto alcolica, tre ore di treno, un trasloco, una cena al ristorante argentino, una passeggiata per Milano, tre ore di macchina,  un pranzo con il nonno, una conversazione profonda con l'Orso. Era da un po' che non … Leggi tutto Sei piena di vita

Momenti di incanto e momenti di disincanto

Momenti di incanto: Il tabaccaio che ride, e chiacchiera, come se non fossimo in Svezia. I ragazzini, miei ex-studenti, che splendevano nei loro vestiti da gran galà (o in quello che per te a sedici anni è un gran galà: la festa di fine anno a scuola) mentre camminavano un po' traballanti nei tacchi altissimi … Leggi tutto Momenti di incanto e momenti di disincanto

Questa non è una città per vecchi

Sono qui da meno di venti giorni e si annoverano: raffreddore che dura da una settimana torcicollo che mi è durato un giorno intero cerchio alla testa per dieci ore mal di schiena mal di gola capelli sfibrati Questa non è decisamente una città per vecchi (o io non ho più il fegato di una … Leggi tutto Questa non è una città per vecchi

Se non puoi dire niente di carino, allora non dire niente. Grazie Sophia!

Surfavo intrepida nell'internet più scadente ieri, quando ho trovato questa storia che non conoscevo. Un'attrice molto bella, Sophia, viene intervistata in un programma famoso riguardo ad un suo spettacolo/film imminente. Naturalmente, l'intervistatore ad un certo punto smette di farle domande professionali e le chiede (immagino con un po' di imbarazzo sorridente e piacione) qualcosa come: … Leggi tutto Se non puoi dire niente di carino, allora non dire niente. Grazie Sophia!

Umanità

Avevo spento la luce. Era quell'orario indefinito tra l'una e mezza di notte e le due. Quando la città è già addormentata, le macchine più lente, le strade più sgombre. Ho guardato fuori dalla finestra. Dietro i vetri del palazzo più in là, poche camere ancora illuminate. Luci soffuse, tende tirate. E mi sono immaginata … Leggi tutto Umanità

La ragazza con il pianoforte

Ieri. Mi trovavo un po' strattonata tra mille diverse sensazioni: avevo dovuto partire presto alla mattina, per cui mi ero dovuta svegliare alle sette (sonno) (svegliarsi prima delle nove dovrebbe essere considerato criminale. ), e prendere il treno (familiarità) per andare nella direzione opposta a quella verso cui vado sempre (familiarità perplessa). E' la città … Leggi tutto La ragazza con il pianoforte

Il papà di provincia

Sabato sera: arriviamo un po' sfranti all'orario della cena. (Inizio ampio cappello introduttivo) Io sono atterrata a Bergamo venerdì pomeriggio (dopo quattro ore e mezza di volo), e lì, nel diluvio (che come benvenuto dopo i venticinque gradi canari non è male) mi ha infilata in macchina CON QUARANTA MINUTI DI RITARDO in mezzo ai … Leggi tutto Il papà di provincia