“Nunca te acostarás sin saber una cosa más”*: La Melbourne Cup

Oggi ho imparato a conoscere un evento di cui non avevo mai sentito parlare: la Melbourne Cup. In questi mesi avevo trovato dei volantini che pubblicizzavano l’evento con menù dedicati  in quasi ogni ristorante o bar dove sono entrata. Ma nella mia testa era scattata l’associazione: Australia (Paese abitato soprattutto sulle coste) + Novembre (quasi…

Vota:

Figli di ciabattini

Una cosa (delle tante) a cui non ero preparata. Qui la gente gira scalza. Ma non in spiaggia, o nel baretto in spiaggia (che come concetto credo esista solo nella nostra testa e nei resort fatti ad immagine e somiglianza della nostra testa…), no, qua ci girano per strada  (o… – astenersi stomaci deboli- entrano…

Vota:

E poi ci sono certe sere

C’era una vecchia canzone dei Neri per caso che diceva “Se tu stasera ti senti sola, e il futuro ti fa un po’ paura…” che forse servirebbe da colonna sonora, ma è meglio non ascoltarla, per paura di mettermi a singhiozzare o semplicemente a tirare su col naso, cercando di fare meno rumore possibile, per…

Vota:

Dai, próxima estación…

Scrivere questo post mi sta costando più fatica e pensieri del previsto e non dovrebbe. Ne avevo già parlato qui e recentemente la mia “latenza” (come dice una mia amica, convinta che sia la parola giusta per “latitanza“) è stata dovuta a questa cosa grande grande grande che mi è scoppiata tra le mani all’improvviso e…

Vota:

Momenti di incanto e momenti di disincanto

Momenti di incanto: Il tabaccaio che ride, e chiacchiera, come se non fossimo in Svezia. I ragazzini, miei ex-studenti, che splendevano nei loro vestiti da gran galà (o in quello che per te a sedici anni è un gran galà: la festa di fine anno a scuola) mentre camminavano un po’ traballanti nei tacchi altissimi…

Vota:

Fuori c’è il sole

Una canzone estiva l’anno scorso ripeteva proprio questo: fuori c’è il sole. Ed è strano, ora che sono in quel posto che fa venire in mente a tutti ombrelli e acqua a catenelle, ma fuori c’è il sole. Anzi, il sole c’è quasi sempre stato, da quando sono arrivata. Un mese fa tondo tondo. Sono…

Vota:

E baby quando?

Sottotitolo: (Il dovere di rispondere educatamente alle domande basate su aspettative che gli altri proiettano su di te calcolandole in base alla tua età, sesso, peso, stipendio e condizione civile) (E il desiderio di mandare tutti maleducatamente a Fanc***) Durante le vacanze natalizie (che per me proseguono a oltranza, fino a Marzo, più o meno)…

Vota:

Uh uh, nobbadinouseee*

L’assenza costante e continuativa dell’Orso da casa sua (e pure mia) ha effetti che cambiano e aumentano di intensità a seconda dei giorni: Giorno 1 di assenza) “ciao amore come stai? Tutto bene il viaggio?”: sincera preoccupazione affettuosa per la sua salute ed incolumità Giorno 2 di assenza) “tesoro, ho trovato vari calzini vagare per…

Vota:

L’ansia di mettere ✓

A marzo, in Armenia ho conosciuto un ragazzo spagnolo. Io con gli spagnoli, “per fortuna purtroppo” (come diceva Irene Grandi) vado d’accordo. (Sì, lo so, solo citazioni d’alto livello in questo blog). E così, passeggiando per Yerevan il tizio mi dice che ha l’ansia di vedere più cose possibili in quella settimana in Armenia. Ora,…

Vota:

Cosa ti aspetti da me?

Sono giorni che vorrei scrivere eppure “no, oggi no”, “no, aspetta, devo prima pulire il forno”, “no, aspetta, controllo prima le mail”, “no vabbè, se non sono da sola allora non scrivo”, “no se c’è rumore non scrivo”, “no, domani meglio”. Insomma, sembra che anche scrivere sul blog sia diventata un’attività da “schedulare”, mettere in…

Vota:

Parce qu’ on ne sait jamais*

Oggi ho avuto una giornata un po’ particolare: mi ha portato un po’ indietro nel tempo, mi ha parlato un po’ di passato e mi ha parlato un po’ di futuro, e mentre stavo seduta in metro a guardare l’acqua passare e le nuvole sopra, mi ha parlato un po’ di oggi, di adesso, del…

Vota:

Due anni in Svezia

Toh! Un giorno vai di corsa all’aeroporto di Bergamo con un amico che sbaglia strada e ti sta per portare a Malpensa, e il giorno dopo ti svegli e sei in Svezia da due anni. Due anni. Se passa un altro mese e mezzo questo sarà il Paese in cui avrò abitato più a lungo…

Vota: