“La tua instancabile voglia di lavorare”

Ci è voluto un anno. Per non riuscire a dormire e dire: "E' passato un anno. Ok. Ma dov'ero l'anno scorso?" E così mi sono ricordata di una grigliata in terrazza a casa di un'amica. "Amica", mi sono ripetuta, mentre ormai rassegnata mi spostavo verso il divano ("Ok, stanotte non si dorme"), così amica che … Leggi tutto “La tua instancabile voglia di lavorare”

Annunci

“Nunca te acostarás sin saber una cosa más”*: La Melbourne Cup

Oggi ho imparato a conoscere un evento di cui non avevo mai sentito parlare: la Melbourne Cup. In questi mesi avevo trovato dei volantini che pubblicizzavano l'evento con menù dedicati  in quasi ogni ristorante o bar dove sono entrata. Ma nella mia testa era scattata l'associazione: Australia (Paese abitato soprattutto sulle coste) + Novembre (quasi … Leggi tutto “Nunca te acostarás sin saber una cosa más”*: La Melbourne Cup

Figli di ciabattini

Una cosa (delle tante) a cui non ero preparata. Qui la gente gira scalza. Ma non in spiaggia, o nel baretto in spiaggia (che come concetto credo esista solo nella nostra testa e nei resort fatti ad immagine e somiglianza della nostra testa...), no, qua ci girano per strada  (o... - astenersi stomaci deboli- entrano … Leggi tutto Figli di ciabattini

E poi ci sono certe sere

C'era una vecchia canzone dei Neri per caso che diceva "Se tu stasera ti senti sola, e il futuro ti fa un po' paura..." che forse servirebbe da colonna sonora, ma è meglio non ascoltarla, per paura di mettermi a singhiozzare o semplicemente a tirare su col naso, cercando di fare meno rumore possibile, per … Leggi tutto E poi ci sono certe sere

Dai, próxima estación…

Scrivere questo post mi sta costando più fatica e pensieri del previsto e non dovrebbe. Ne avevo già parlato qui e recentemente la mia "latenza" (come dice una mia amica, convinta che sia la parola giusta per "latitanza") è stata dovuta a questa cosa grande grande grande che mi è scoppiata tra le mani all'improvviso e … Leggi tutto Dai, próxima estación…

Momenti di incanto e momenti di disincanto

Momenti di incanto: Il tabaccaio che ride, e chiacchiera, come se non fossimo in Svezia. I ragazzini, miei ex-studenti, che splendevano nei loro vestiti da gran galà (o in quello che per te a sedici anni è un gran galà: la festa di fine anno a scuola) mentre camminavano un po' traballanti nei tacchi altissimi … Leggi tutto Momenti di incanto e momenti di disincanto

Fuori c’è il sole

Una canzone estiva l'anno scorso ripeteva proprio questo: fuori c'è il sole. Ed è strano, ora che sono in quel posto che fa venire in mente a tutti ombrelli e acqua a catenelle, ma fuori c'è il sole. Anzi, il sole c'è quasi sempre stato, da quando sono arrivata. Un mese fa tondo tondo. Sono … Leggi tutto Fuori c’è il sole

E baby quando?

Sottotitolo: (Il dovere di rispondere educatamente alle domande basate su aspettative che gli altri proiettano su di te calcolandole in base alla tua età, sesso, peso, stipendio e condizione civile) (E il desiderio di mandare tutti maleducatamente a Fanc***) Durante le vacanze natalizie (che per me proseguono a oltranza, fino a Marzo, più o meno) … Leggi tutto E baby quando?

Uh uh, nobbadinouseee*

L'assenza costante e continuativa dell'Orso da casa sua (e pure mia) ha effetti che cambiano e aumentano di intensità a seconda dei giorni: Giorno 1 di assenza) "ciao amore come stai? Tutto bene il viaggio?": sincera preoccupazione affettuosa per la sua salute ed incolumità Giorno 2 di assenza) "tesoro, ho trovato vari calzini vagare per … Leggi tutto Uh uh, nobbadinouseee*

L’ansia di mettere ✓

A marzo, in Armenia ho conosciuto un ragazzo spagnolo. Io con gli spagnoli, "per fortuna purtroppo" (come diceva Irene Grandi) vado d'accordo. (Sì, lo so, solo citazioni d'alto livello in questo blog). E così, passeggiando per Yerevan il tizio mi dice che ha l'ansia di vedere più cose possibili in quella settimana in Armenia. Ora, … Leggi tutto L’ansia di mettere ✓