(Ma perchè non fate) Idee di pubblica utilità

(Ovvero cose che mi chiedo perché non le abbiano ancora inventate) – Sedili al cinema reclinabili con poggiapiedi – Assorbenti a forma di pene – Volume a intuizione: la suoneria del telefono,  il pc con suoni nei momenti inopportuni? Ci pensi e lui si zittisce – Valigie con ciabattine incorporate – Noleggio di cuscini e…

Vota:

Sognare in piccolo

Negli ultimi giorni mi sono ritrovata a pensarci spesso. Da sogni grandi ultimamente sono passata ad avere sogni piccoli. Mi sveglio, mi faccio il caffè, mi godo gli uccellini che cinguettano, inveisco contro i figli dei vicini che si cimentano con pessimi risultati al flauto (non te sì bon, moaghea!), mi rincuoro pensando che prima o…

Vota:

Post it mentali: cosa ho imparato nel 2016 (più selfie)

Ricorda di portarti sempre una cremina solare in borsa. Perché in Nuova Zelanda FA freddo. Certo. Fa freddo tutte le settimane dell’anno, esclusa quella in cui ci vai tu. Un mio selfie al ritorno dalla Nuova Zelanda. Abbi sempre rispetto di chi ha studiato matematica, ha frequentato il liceo scientifico, si è iscritto ad una…

Vota:

Neanche uno

Insomma, quest’anno volge al termine e io ho da un po’ un pensiero che mi pungola. Mi vergogno a dirlo ad alta voce, e allora lo scrivo qua. Perché mi vergogno? Perché mi immagino le reazioni, tutte del genere: “E di cosa ti vuoi lamentare tu!?” “Ti sei trasferita in Australia, non rompere!” “Quest’anno hai…

Vota:

Domani torno in Italia

Domani pomeriggio prendo l’aereo e sabato mattina atterrerò a Milano. Torno in Italia. Era un viaggio che era stato pianificato per fine agosto (“Sto un mesetto con te e poi vado in Inghilterra a studiare”) e che poi è stato spostato a fine Novembre (“Visto che l’abbiamo già pagato sto viaggio, almeno facciamolo coincidere con…

Vota:

Intervista: allora questa Australia?

Intervistatore*: – Allora Virgh, non nascondiamoci dietro ad un dito: abbiamo visto che i tuoi ultimi post sono liste ma è da tanto che non “dici” niente. Manca solo che parli delle previsioni del tempo e poi siamo a posto. Sono ormai passati tre mesi da quando ti sei trasferita in Australia, com’è questa vita…

Vota:

Compilation delle mie peggiori gaffes linguistiche

Nei momenti di pace e relax (per esempio l’ora prima di dormire) cosa fanno le persone? Escono e vanno a correre o si riposano dedicandosi ai loro hobbies, o si applicano una crema idratante alle erbe malesi. Io penso alle figuracce che ho fatto nella mia vita. E visto che ogni descrizione di me a sconosciuti…

Vota:

Un etto di entusiasmo, grazie!

Mentre sono impegnata in questa attività che mi occupa le giornate in attesa del visto che si chiama “ozio”, ho il tempo di pensare. Specialmente a quello che mi manca. E in questo momento mi manca l’entusiasmo. Per questo nuovo Paese, per questa nuova avventura, per quello che succederà. Sono contenta di: stare in un…

Vota:

Figli di ciabattini

Una cosa (delle tante) a cui non ero preparata. Qui la gente gira scalza. Ma non in spiaggia, o nel baretto in spiaggia (che come concetto credo esista solo nella nostra testa e nei resort fatti ad immagine e somiglianza della nostra testa…), no, qua ci girano per strada  (o… – astenersi stomaci deboli- entrano…

Vota:

E poi ci sono certe sere

C’era una vecchia canzone dei Neri per caso che diceva “Se tu stasera ti senti sola, e il futuro ti fa un po’ paura…” che forse servirebbe da colonna sonora, ma è meglio non ascoltarla, per paura di mettermi a singhiozzare o semplicemente a tirare su col naso, cercando di fare meno rumore possibile, per…

Vota:

Are you from Europe? (Alfabeto dei primi giorni a testa in giù )

A come “Are you from Europe?“ Questa bizzarra e inusuale domanda mi è stata fatta la prima sera dal tassista che ci ha riaccompagnato all’albergo (“Massì, è la prima sera! Scialiamo!” è stata l’ultima dichiarazione pervenuta dell’Orso prima di verificare il conto e chiudersi in un imbronciato silenzio taccagno – “No, sono stanco, non usciamo…

Vota:

Dai, próxima estación…

Scrivere questo post mi sta costando più fatica e pensieri del previsto e non dovrebbe. Ne avevo già parlato qui e recentemente la mia “latenza” (come dice una mia amica, convinta che sia la parola giusta per “latitanza“) è stata dovuta a questa cosa grande grande grande che mi è scoppiata tra le mani all’improvviso e…

Vota: