Chi sono?

VERSIONE CORTA

Veneta, trasferita prima altrove in Italia, poi all’estero. Ho abitato in sei Paesi stranieri e in trentacinque case diverse. Ho avuto più di cinquanta coinquilini, ma solo uno ha resistito.

 

VERSIONE ESTESA

(Scrivere questa descrizione mi ha messo un po’ d’ansia)

Sono nata in Veneto, infatti sono veneta madrelingua con ottima conoscenza dei detti (cavallo di battaglia: schei e paura, mai vù*).

Dopo aver trascorso infanzia e adolescenza nell’unica terra nella Pianura Padana dove la nebbia è una fortuna che ci sia  (almeno c’è qualcosa!) mi sono diretta nel centro Italia, in una delle città più belle del mondo per “studiare”.

Il mio progetto di diventare un genio in tempi brevi non si è realizzato (nutro ancora forti speranze di diventarlo in tempi lunghi) e poco prima di conseguire la laurea triennale ho vinto un concorso e sono andata un semestre in Francia.

In Francia ho imparato il gusto della birra, il senso di uno stipendio, il caffè nero e la sensazione di solitudine malinconica che ti accompagna quando sai che i tuoi affetti sono lontani e che i tuoi affetti nuovi sapranno sempre un po’ di finto, di profumo di plastica nuova.

Di ritorno dalla Francia, anche la città più bella d’Italia non mi sembrava più così bella, o così nuova, ed una notte, nel periodo di scrittura della tesi, camminando mi sono trovata davanti ad una frase: diceva “chi cammina s’intorbida, chi si ferma sogna”. Al che ho deciso di non seguire il saggio consiglio, ma di andare avanti: con un biglietto Ryanair  sono andata in Spagna (la frase era appunto di uno spagnolo) (ma non ci sono andata per quello).

In Spagna ho imparato a: bere la birra con la fanta lemon, svegliarmi di notte per andare a lavoro, usare i mezzi pubblici in una grande città, cucinare la tortilla, piangere per amore, fare la faccia “professionale”.

Credevo di stare un mesetto. “ Massì mamma, sto qui, finisco di scrivere la tesi, e torno”. Pensavo. Sono rimasta in territorio iberico due anni e due mesi.

L’ultima estate con un biglietto Wizzair ho fatto il giro dei Balcani. Al lago di Ohrid ho capito che lo spagnolo con cui stavo non era l’uomo della mia vita, a Sofia l’ho salutato e a Venezia ho detto a papà: torno in Italia.

Mi ero decisa a rimanere in Italia, per tantissime ragioni: ci sono le città più belle del mondo (anche se dipende sempre da quale mondo si vuole considerare), la gente si lamenta tutto il tempo dei treni e dell’istruzione (ed invece funzionano meglio che all’estero),  ci sono i genitori e parecchi buoni amici tra il Veneto e la città bella – bella.

Però dopo un anno trascorso in Italia, ho provato a fare un concorso con la filosofia del tanto non mi prenderanno mai… e sono finita in Turchia.

In Turchia ho imparato a: bere la birra Efes, resistere mesi senza fare colazione con la pancetta, lavorare con persone che non ti capiscono e che tu non capisci, ad essere additata per strada (“la straniera! Yabanci!“), a ricevere proposte di matrimonio all’ora di cena, ad addormentarmi in una Jacuzzi, a prendermi delle scuffie tremende.

Dopo nove mesi in Turchia, sono tornata in Italia, -anche stavolta – convinta di restare.

In Italia ho imparato: a diventare grande, a considerare scemenze tante delle fatalità/ segni del destino/ e allora vuol dire che, a ridere ai colloqui di lavoro e alle discussioni delle tesi di laurea, ad avere tantissima faccia tosta, ad essere paziente, a non arrabbiarmi, a fare il mio dovere, a voler bene a chi mi vuole bene,  a non fidarmi dei ragazzi che fanno i filosofi/intellettuali, a guardare le stelle, a non dire sempre quello che penso, a non dare del Lei nei negozi.

Dopo circa un anno in Italia, sono partita a fare un giretto nel Nord Europa. A Lubecca chi mi veniva a prendere si è preso un ceffone per il ritardo, a Copenaghen mi ha fatto una foto davanti alla Sirenetta, a Stoccolma mi ha guardato stralunato, ad Amburgo mi ha abbracciato contento, a Maastricht mi ha chiesto una mattina: ma tu ci vuoi venire a vivere in Svezia con me?

Chevvelodicoaffà ho detto di sì.

E così sono partita per la Svezia. Ci sono stata più di tre anni.

Ho avuto tanto freddo e ho imparato a non fare programmi che includano il sole. Se c’è, bisogna goderne ora, subito, immediatamente, come una lucertola. In un certo senso, la Svezia mi ha insegnato il carpe diem.

Lasciare la Svezia è stato impegnativo e ha richiesto un ampio giro sorvolando l’Europa, che è passato per un mese a Barcellona, tre mesi in Italia e due in Inghilterra. Movimentato da quel bel gioco a premi fatto di ostacoli e videochiamate Skype, che passa sotto il nome di: “relazione a distanza“.

Al ritorno dal giro di ricognizione, chi mi aveva portato in Svezia mi ha chiesto: “Che ne dici, ti va di venire in Australia?“.

A questo punto della storia potreste intuire da soli la risposta, solo che nel frattempo l’Inghilterra, destinata ad uscire dall’Unione Europea, mi aveva offerto di fermarmi lì un anno per studiare in una loro università.

Come é finita?

E’ finita che davanti ad una birra ad Edimburgo ho accettato l’Australia.

E una mattina a Bondi Beach ho accettato tutto il resto.

 

 

Se mi volete leggere o scrivere, a me fa (tanto) piacere.

Mi trovate a: virginiamanda@gmail.com

____________

*Soldi e paura? Mai avuti.

Annunci

24 pensieri su “Chi sono?

  1. lafiammiferaia ha detto:

    Bello. E mi fa piacere vedere che c’è qualcuno che riconosce che in Italia abbiamo un gran bel sistema scolastico (sulla rete ferroviaria invece non mi pronuncio, che ho preso troppi treni nella mia esistenza – ma solo in Italia – e ho quindi il dente un po’ avvelenato!).

    Buona fortuna per la tua nuova avventura! 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Giupy ha detto:

    Ciao! Ho appena scoperto il tuo blog e mi interessa molto ! Anche io come te ho un legame affettivo con il Veneto (sono Lombarda, ma ho vissuto cinque anni a Venezia) e ho girato un po’ per il mondo (Giappone, Francia, Belgio, USA). Quando avro’ finito qui non mi dispiacerebbe provare l’Europa del Nord.. vedremo!

    Liked by 1 persona

  3. igloo ha detto:

    Ciao carissima!
    Che piacere, dopo tanti anni, ri-trovarti online.
    Ho letto qui dei tuoi numerosi viaggi. Ero rimasta alla Spagna 🙂

    Buona vita!

    Riconosco nei commenti Mas, un caro saluto anche a lui.

    Igloo

    Liked by 1 persona

    • virginiamanda ha detto:

      Beh per quanto riguarda la faccia, diciamo che sono ancora troppo “figlia di Splinder” per espormi con foto e dettagli personali troppo precisi. Un giorno cambierò idea, chissà!
      Grazie dei complimenti! Io ti ammiro tanto, quindi detti da te mi fanno doppiamente piacere 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...