Cose che avrei preferito scoprire prima dei 30 anni

– Gli altri non sono me.
– A volte si procede per tentativi.
– Non tutti hanno un preciso piano in testa.
– Si cambia idea.
– Si cambia idea anche su cose su cui non avresti mai pensato di cambiare idea.
– Le case non si puliscono da sole.
– Le lavatrici non si azionano con il pensiero.
– Meglio avere un libro solo e leggerlo che averne tanti e non aprirli mai (massima di mio fratello, in un periodo in cui voleva studiare l’inglese e io continuavo a riempirlo di libri – questo è per il vocabolario del lavoro, questo è il vocabolario illustrato, questo ha delle ricette in inglese…)
– I figli non si fanno solo per se stessi, si fanno anche per la società (una frase di mia sorella, enunciata un mese fa, così perfetta ed illuminante che sono ancora senza parole da quando l’ha pronunciata)
– L’ambizione e la tenacia non sono per forza valori positivi
– Devi trovare il motore che ti spinge a fare le cose (alzarti la mattina, andare a lavorare, pulire), meglio se è positivo o neutro (il benessere dei figli, un mutuo, l’amore). Se è negativo (invidia, gelosia, rivalsa) finirà per amareggiare anche i risultati ottenuti con fatica.
– L’ambizione sfrenata può farti perdere di vista le persone. Anche i colleghi, i superiori, i tizi che spingono sulla metro… anche loro sono persone.
– La fretta peggiora la capacità decisionale.
– Il perfezionismo non è un simpatico vezzo, è una condanna. Ad un certo punto bisogna ammetterlo, guardarlo negli occhi e dire “Ho finito”. Anche se il lavoro non è infiocchettato, anche se passandoci più tempo e più notti insonni avrebbe potuto uscire più pulito, più brillante, più divertente.
– Sapersi accontentare è la virtù dei forti.
– Anche con gli uomini. E questo non vuol dire prendere quello che passa il convento, ma ammettere che c’è un margine di errore in tutti gli esseri umani. Anche in noi stessi.
– Il cibo influisce sul nostro umore e sul nostro comportamento. Mangiare carne rossa ci rende più aggressivi, digiunare ci rende isterici, la frutta e lo zucchero adrenalinici, eccetera eccetera. Basta esserne consapevoli e non dare la colpa alle persone che abbiamo intorno.
– La musica fa bene. Certo. Ma vuoi mettere il silenzio?
– L’eleganza non è voler indossare per forza quello che si vede nelle riviste o in televisione. E’ essere a proprio agio in quel contesto.
– A volte bisogna chiacchierare anche con le persone che non ci piacciono, e questo non vuol dire svendersi o venire meno ai propri principi. Ma solo essere educati.
– I capelli ricci non si asciugano con gli asciugamani (neanche quelli in microfibra), ma con le magliette di cotone.
– La sciatteria non è di per sé un problema, se per te non lo è. Ma se lo è, allora l’unica soluzione possibile è alzare il c*lo dal divano e darsi da fare. Che sia una dieta, che sia imparare a stirare, che sia andare a correre, che sia iscriversi ad un corso di dizione o per imparare a parlare in pubblico.
– La competenza può essere dimostrata in molti modi ma in genere richiede un po’ di tempo. Purtroppo la prima impressione si fa con l’esteriorità.
– Si fa più bella figura a chiedere una cosa che non si sa che ad abbozzare di saperla.
– Ad una cena in un ristorante elegante non si accavallano le gambe. E all’arrivo delle pietanze, ci si accomoda il tovagliolo sulle gambe.
– Se sei ad una cena formale e non sai di cosa parlare, fa’ domande. E rispondi dicendo la tua opinione, e non quello che secondo te gli altri vorrebbero sentirsi dire. Ma soprattutto, evita di bere per ingannare il tempo.
– A volte bisogna sforzarsi.
– E’ meglio stare in pace che avere ragione.
– E’ meglio ottenere il risultato che impuntarsi che venga riconosciuta la paternità dell’idea buona.
– Non tenere il conto di quante volte cadono gli altri. Capiterà anche a te di cadere, prima o poi.
– Sii consapevole di avere delle debolezze.
– Il latte è difficile da digerire.
– Il sesso amplifica: se c’è amore, dopo sembra che sia aumentato, se non c’è niente, dopo sembra che ci sia ancora meno.
– Nelle scelta importanti della vita non agire pensando di dover fare quello che gli altri si aspettano da te.
– Impara a discernere quello che gli altri si aspettano da te da quello che tu vuoi per te.
– Per i viaggi lunghi in aereo è meglio non avere proprio bagagli a mano. Se proprio devi fa’ in modo che siano morbidi, da poter usare come poggiapiedi sotto il sedile anteriore e che dentro ci sia una felpa con cappuccio e un paio di ciabattine morbide da hotel. (Il top del top è il cuscino poggiatesta con cappuccio incorporato).
– Quando vai in vacanza non cedere alla tentazione di portarti quei vestiti che non metti mai. Indovina? Non li metterai neanche in vacanza. (Stesso discorso per i tacchi. Un paio basta e avanza).
– Se sei indecisa se fare un regalo o no, fallo e basta. Mal che vada fai la figura della signora.
– I piatti che sei stato abituato a mangiare in un certo modo non hanno niente a che fare con la cucina, il canone e con le ricette. Hanno a che fare solo con l’amore e i ricordi.

Annunci

11 pensieri su “Cose che avrei preferito scoprire prima dei 30 anni

    • virginiamanda ha detto:

      Ah guarda, non ricordarmelo che in questi giorni sto affrontando l’ennesimo trasloco con pulizie incorporate e vorrei tanto una casa autopulente!

      Già, immagino che nel settore accademico il perfezionismo sia una condanna non da poco.

      Mi piace

  1. marika ha detto:

    Quella sul perfezionismo io l’ho imparata molto prima dei 30 … nella fattispecie al ginnasio quando consegnano le versioni tradotte “perfette” ma a metà! Era un 4 lo stesso alla fine. Invece a distinguere tra cosa voglio io e cosa vogliono gli altri per me sto ancora imparando moooolto lentamente

    Liked by 1 persona

    • virginiamanda ha detto:

      Mamma mia, chissà che frustrazione prendere 4 in una versione perfetta, anche se a metà.

      Distinguere tra quello che si vuole e quello che ci hanno inculcato di volere è un’operazione complessa e delicata, concordo!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...