Sei piena di vita

Ho passato quarantotto ore molto articolate, in cui ne ho dormite sei in totale con in mezzo: una festa molto alcolica, tre ore di treno, un trasloco, una cena al ristorante argentino, una passeggiata per Milano, tre ore di macchina,  un pranzo con il nonno, una conversazione profonda con l’Orso.

Era da un po’ che non passavo due notti in bianco consecutive per trascorrerle di festa, con un sacco di gente, a chiacchierare e cantare. Mi sembra incredibile ed allo stesso tempo è una stanchezza positiva quella che sento.

Dicono che dopo una partita, i giocatori delle squadre avversarie abbiano la stessa quantità di stanchezza (hanno corso e faticato per lo stesso numero di minuti), ma gli atleti della squadra vincente si sentiranno meno stremati degli altri.

E così ieri sera, dopo l’ennesima pizza con gli amici (in quattordici giorni siamo a quota otto, e non ho preso neanche un grammo – non ho neanche perso peso, naturalmente, ma l’importante è che non l’ho preso-) all’amica che mi riaccompagnava a casa dicevo: “Nelle ultime quarantotto ore ne ho dormite sei” e lei mi rispondeva: “Sei piena di vita”.

Come definizione mi è sembrata calzante.

E ora ci sono degli scatoloni che aspettano di essere aperti, un armadio che trabocca e deve essere ulteriormente riempito (non comprerò più vestiti fino all’anno prossimo, giurin giurello!) , migliaia di documenti da completare prima di giovedì e poi via: inizierà questo viaggio. Il venti luglio sembrava tanto lontano, e invece, come il Supercafone di Er Piotta, eccolo qua.

Ah sì, questo fine settimana ho anche sentito la frase d’amore più bella di tutti i tempi: “Tu sei più intelligente di me”.

Me, Myself and I...:

(E di questa verità siamo consapevoli – fortunatamente- entrambi).

 

Autore: virginiamanda

Arrivata per ultima in una famiglia dove il regalo più frequente è una valigia, si ritrova con tutti i difetti della figlia minore (ehi! Guardatemi! Sono qui! Sono divertente anche! Sto su un piede solo! Guardatemi!) più tutti i difetti della vagabonda (ma in quale casa avrò lasciato quella valigia/quei libri/quei vestiti/questi stivali). Pur essendo veneta non è leghista, pur avendo fatto il classico non sa il greco, pur avendo fatto l'università non sa ancora scrivere correttamente, pur avendo un papà che legge il Giornale non è berlusconiana, pur avendo lavorato al check-in di un aeroporto non ha ancora imparato a non farsi sgamare con i kg di troppo in valigia, pur avendo preso parecchi treni ed aerei non ha ancora imparato a non perderli, pur avendo traslocato almeno trenta volte non ha ancora imparato a farsi una valigia essenziale, pur amando viaggiare non ha ancora imparato a guidare, pur avendo avuto "varie" storie sentimentali continua a dire: è la prima volta che sono così cotta/perduta/innamorata. Spera di re-incarnarsi un giorno in Amanda Lear e/o in Shakira

1 thought on “Sei piena di vita”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...