Virgawards – 8

Rassegna di quello che mi ha colpito. Come al solito, non è per niente in ordine di uscita e alcuni articoli sono magari vecchi di anni. (Perchè, voi Proust non ve lo leggete più perché è vecchio?).

  • Come ci vedono gli altri: questo post di Giulia Calli fa il paio con questo dell’estate scorsa di Giupy (che non capirò mai perché deve cambiare blog ogni volta che cambia posto, rendendo molto faticosa la vita a noi poveri lettori smemorati). A volte non ci rendiamo conto della fortuna (sì, ho detto fortuna!) che abbiamo di essere nati in Italia e a certi vantaggi o abitudini non ci facciamo neanche più caso. Ma gli altri sì, ed è bello scoprirsi migliori agli occhi degli altri.
  • Pigs Incorporated: una disegnatrice che fa dire ai maialini le stesse cose che io penso da tempo (io e molti altri).

 

Per la sezione “gente che non ha bisogno di essere menzionata da me“:

  • Silvia Ziche: una fumettista che ha iniziato quando ancora nessuna ci credeva (che fare la fumettista potesse essere davvero un mestiere per una donna). E’ una fine umorista: mi è sempre piaciuta quella vena ironica e disincantata ma mai amara.

Adoro questo cantautore da quando scapigliato e con poco bagnoschiuma cantava sul palco dell’Ariston che viveva sempre insieme ai suoi capelli (e la so ancora tutta a memoria), mi ha accompagnato sussurandomi in un orecchio “non ho visto nessuno andare incontro ad un calcio in faccia con la tua calma, indifferenza sembra quasi che ti piaccia” quei giorni in cui triste ma risoluta mettevo fine a quelle storie che non avrebbero portato da nessuna parte; mi ha fatto cantare a squarciagola “vento d’estate, io vado al mare voi che fate?” in bicicletta con la mia amica delle medie nei lunghi pomeriggi di luglio dei miei tredici anni, ma soprattutto mi ha sollevato il morale e mi ha fatto capire che non ero sola dicendomi: “Chiudi gli occhi, ed immagina una gioia, molto probabilmente penseresti a una partenza. Ah, se si vivesse solo di inizi, di eccitazioni da prima volta, quando tutto ti sorprende e nulla ti appartiene ancora“. Facendomi considerare che “tra la partenza e il traguardo, in mezzo c’è tutto il resto: e tutto il resto è costruire“.

E il mio augurio per questa settimana a tutti voi che passate di qui (e a me) è quello che diceva Niccolò in questa celebre e delicata canzone:

“Costruire è sapere e potere rinunciare alla perfezione”.

 

 

 

Precedenti Virgawards:

Virgawards -1

Virgawards -2

Virgawards -3

Virgawards -4

Virgawards -5

Virgawards -6

Virgawards -7

 

 

 

Autore: virginiamanda

Arrivata per ultima in una famiglia dove il regalo più frequente è una valigia, si ritrova con tutti i difetti della figlia minore (ehi! Guardatemi! Sono qui! Sono divertente anche! Sto su un piede solo! Guardatemi!) più tutti i difetti della vagabonda (ma in quale casa avrò lasciato quella valigia/quei libri/quei vestiti/questi stivali). Pur essendo veneta non è leghista, pur avendo fatto il classico non sa il greco, pur avendo fatto l'università non sa ancora scrivere correttamente, pur avendo un papà che legge il Giornale non è berlusconiana, pur avendo lavorato al check-in di un aeroporto non ha ancora imparato a non farsi sgamare con i kg di troppo in valigia, pur avendo preso parecchi treni ed aerei non ha ancora imparato a non perderli, pur avendo traslocato almeno trenta volte non ha ancora imparato a farsi una valigia essenziale, pur amando viaggiare non ha ancora imparato a guidare, pur avendo avuto "varie" storie sentimentali continua a dire: è la prima volta che sono così cotta/perduta/innamorata. Spera di re-incarnarsi un giorno in Amanda Lear e/o in Shakira

2 thoughts on “Virgawards – 8”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...