Gusti

Oggi è stata una giornata di letture e di libri.

Ho riscattato un buono regalo che mi ero bonariamente regalata da sola (sì, lo so, lo so) per acquistare dei libri on line un giorno che ne avessi avuto voglia.

Nel pomeriggio, non era previsto e non è stato fatto apposta, mi sono ritrovata in una libreria vera. (E quando dico libreria intendo il posto dove si acquistano i libri, non come l’Orso che ormai pensa in inglese ed è convinto che se dico libreria intendo in realtà “biblioteca”).

Così sono andata alla sezione italiana e…

magia!

Tutti i libri su cui avevo indugiato nella libreria virtuale alla mattina (lo compro o no? E se non mi piace? E questo? Questo è da tanto che voglio leggerlo, dai lo prendo. E quest’altro? Questo dai, è uscito da poco e mi sembra interessante, quasi quasi…), quelli che avevo già letto e quelli che mi incuriosivano.. erano lì.

Non era una sezione tanto grande, ma ben fornita e aggiornata. Anzi, ben fornita e aggiornata su di me.

Oppure no?

Ricapitoliamo: sono io, dentro ad una libreria in una città inglese, davanti allo scaffale dei libri italiani. E li ho letti o li voglio leggere tutti.

Eccomi.

 

Ho i gusti dell’italiana all’estero.

(Diario de una volatil, Agustina Guerrero)

Autore: virginiamanda

Arrivata per ultima in una famiglia dove il regalo più frequente è una valigia, si ritrova con tutti i difetti della figlia minore (ehi! Guardatemi! Sono qui! Sono divertente anche! Sto su un piede solo! Guardatemi!) più tutti i difetti della vagabonda (ma in quale casa avrò lasciato quella valigia/quei libri/quei vestiti/questi stivali). Pur essendo veneta non è leghista, pur avendo fatto il classico non sa il greco, pur avendo fatto l'università non sa ancora scrivere correttamente, pur avendo un papà che legge il Giornale non è berlusconiana, pur avendo lavorato al check-in di un aeroporto non ha ancora imparato a non farsi sgamare con i kg di troppo in valigia, pur avendo preso parecchi treni ed aerei non ha ancora imparato a non perderli, pur avendo traslocato almeno trenta volte non ha ancora imparato a farsi una valigia essenziale, pur amando viaggiare non ha ancora imparato a guidare, pur avendo avuto "varie" storie sentimentali continua a dire: è la prima volta che sono così cotta/perduta/innamorata. Spera di re-incarnarsi un giorno in Amanda Lear e/o in Shakira

7 thoughts on “Gusti”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...