Questa non è una città per vecchi

Sono qui da meno di venti giorni e si annoverano:

  • raffreddore che dura da una settimana
  • torcicollo che mi è durato un giorno intero
  • cerchio alla testa per dieci ore
  • mal di schiena
  • mal di gola
  • capelli sfibrati

Questa non è decisamente una città per vecchi (o io non ho più il fegato di una volta).

Però sono andata in bici! Ho fatto networking nei pub (shhh, si dice così! Metti che un recruiter un giorno capiti qui per sbaglio), ho camminato tantissimo, e ieri sera, dopo mille anni che non andavo alla messa italiana, ci sono andata e ho trovato (a mia insaputa) la Boschi (sì, sicuramente è lei che è venuta perché c’ero io). Sono uscita tanto con i miei fratelli, dopo millenni ho cucinato la paella, ho fatto la colazione con l’avocado, il toast e il caffé nero dopo mesi, mi sono sentita dentro una cartolina (ehm, postcard) il giorno in cui sono uscita ed è scoppiato a piovere ed ho trovato rifugio dentro ad una panetteria/caffetteria (ehm, bakery) artigianale (ehm, local) e sorseggiando il té guardavo gli ombrelli colorati e gli autobus rossi dall’altra parte della vetrina. Ho mangiato il gelato in un giorno di sole con la mia amica di sempre, e poi, non smetterò mai di sentirmi benedetta e baciata dal sole, e lo so che l’ho già detto e lo ripeto, ho finalmente passato l’esame che tanto mi ha fatto penare negli ultimi mesi. Senza rendermene conto, non sono mai stata in centro, se non di sfuggita e per passeggiare al parco. Non ho neanche visitato un museo.

Insomma, una volta che avrò trovato una casa ed un lavoro… starò benissimo! (Acciacchi d’anzianità permettendo).

(E domani arriva l’Orso!)

(Per risolutori esperti)

Autore: virginiamanda

Arrivata per ultima in una famiglia dove il regalo più frequente è una valigia, si ritrova con tutti i difetti della figlia minore (ehi! Guardatemi! Sono qui! Sono divertente anche! Sto su un piede solo! Guardatemi!) più tutti i difetti della vagabonda (ma in quale casa avrò lasciato quella valigia/quei libri/quei vestiti/questi stivali). Pur essendo veneta non è leghista, pur avendo fatto il classico non sa il greco, pur avendo fatto l'università non sa ancora scrivere correttamente, pur avendo un papà che legge il Giornale non è berlusconiana, pur avendo lavorato al check-in di un aeroporto non ha ancora imparato a non farsi sgamare con i kg di troppo in valigia, pur avendo preso parecchi treni ed aerei non ha ancora imparato a non perderli, pur avendo traslocato almeno trenta volte non ha ancora imparato a farsi una valigia essenziale, pur amando viaggiare non ha ancora imparato a guidare, pur avendo avuto "varie" storie sentimentali continua a dire: è la prima volta che sono così cotta/perduta/innamorata. Spera di re-incarnarsi un giorno in Amanda Lear e/o in Shakira

6 thoughts on “Questa non è una città per vecchi”

    1. Io nel Regno Unito, il Fidanzato (detto “Orso”) al momento è qui con me, ma stabilmente risiede in Svezia. Per i prossimi mesi (tutti in divenire) saremo a distanza la maggior parte del tempo.
      E tu? Come stai?

      Mi piace

      1. ah ecco avevo intuito ma viaggi a una velocità tale che a volte la piccola virgh mi destabilizza!!! 😜 da queste parti rivoluzioni in atto, dolori e piccole gioie…insomma la vita che si cerca di vivere e quella che va avanti

        Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...