Saggezza (perle da condividere)

Mi è venuto in mente che tanta gente ha condiviso saggezza nella mia vita e allora perché non offrire questo servizio all’umanità?

Ecco le perle che hanno contribuito a farmi vivere meglio:

1) Quando non sai cos’è: 30 gradi in lavatrice

(Mia Mamma)

2) Camminare scalzi fa venire dei bei piedini

(Mia Nonna, che a ottanta anni aveva un fisico molto appesantito ma piedini meravigliosi)

3) La donna deve fare il fiore

(Il Filosofo. I lettori più affezionati di questo blog si ricorderanno di lui, per l’inaffidabilità e la tendenza alla latitanza, celebre anche il suo “ti chiamo martedì” – senza specificare di quale settimana- dopo quattro mesi capii che forse era un modo per scaricarmi). In questa massima c’erano tanto cose che io non volevo capire, e che invece alle donzelle di oggi potrebbero tornare utili.

Ovvero, soprattutto nella prima fase della relazione, quella in cui ci si conosce e si scoprono le carte piano piano, cercando di intrigare l’altro, MAI fare la donna forte/faccio tutto io/prendo io l’iniziativa/pago io/ti invito io/ ti passo a prendere. Giammai.

E’ naturale che poi nel corso della storia i veri ruoli vengano fuori: tu una che ha sempre il polso della situazione e lui una scianfrinafrittola che sviene quando vede un assorbente in bagno, ma è importante che all’inizio tu faccia di tutto per fargli dire “com’è bella!”. Punto. Poi, che tu sia intelligente etc etc etc è ovvio e si sa, ma l’uomo nel primo momento vuole sentirsi “uomo cacciatore”, sedurti con la sua sapienza del mondo e con le galanterie.

Non impuntiamoci, anche se già sappiamo che guadagniamo più di lui e potremmo offrire la cena a lui e a tutti gli astanti, e sappiamo benissimo aprirci la portiera dell’auto da sole; non impuntiamoci.

Facciamo i fiori.

4) “L’amore è come cag*re. Deve venire naturale. Se si fa fatica, è meglio lasciar perdere: porta solo dolori ed è una perdita di tempo“.

Il fine poeta fu un tizio che vidi tre volte e passai quattro mesi in chat. Non il più elegante dei ceffi con cui io sia uscita, ma c’è da dire che aveva il dono della sintesi.

(Mi è venuto in mente oggi, rispondendo ad un post che ora quando lo ritrovo tra le quarantasette schede aperte, lo linko).

5) “Mi vojo un omo che porta fora a zena e che me diga che sò bea“.

Una mia cara amica, in un momento di sconforto analizzando la fauna che era rimasta, in provincia, tra i 25 e i 35 di accettabile presenza fisica, enumerò le condizioni che doveva avere un uomo per fare breccia nel suo cuore.

Un’altra mia amica le rispose: “Beh, chiedi poco”.

Ci vollero anni per capire che la seconda amica lo diceva con ironia. In queste due cose c’è tutto: un uomo innamorato e che non ha paura a farti piacere e a farti complimenti.

(Nà rarità.)

Back to basics.

6) “Se io porto fuori una donna a cena, vuol dire che ci tengo: in fondo sto facendo un investimento!

L’Orso, in una delle prime settimane di frequentazione, in cui cercava di fare colpo.

Dopo un anno da quelle prime sere, dopo che gli avevo detto di no, che non ci sentivamo da quattro mesi, mi chiamò una sera. E mi chiese: “come stai?” e io risposi sinceramente: “mi sento triste”.

E mi portò a casa sua, mi preparò la cena e stappò una bottiglia di Amarone.

Inutile dire che dopo quattro anni da quella sera, l’investimento era stato azzeccato.

Annunci

13 pensieri su “Saggezza (perle da condividere)

  1. avvocatolo ha detto:

    Da avvocato esperto di finanza e investimenti e private equity devo fermamente oppormi alla bestialità della massima n.6. Un investimento è l’impiego di capitale (che può benissimo essere il prezzo di una cena eh) in uno strumento finanziario in un momento in cui questo strumento vale un XXX con la speranza di poterlo rivendere in un momento successivo in cui avrà acquisito valore ulteriore quindi in un momento in cui varrà molto più di XXX (la differenza tra Xxx e il prezzo di vendita si chiama ROI…return on investiment). Tornando alla n. 6 portare a cena una donna è esattamente l’opposto. La inviti quando è giovane e figa e sai benissimo che col tempo diventerà vecchia e ciofeca e sempre più rompicoglioni. Quindi è l’esatto opposto…portare una figa a cena è un DISINVESTIMENTO. Amen.

    Mi piace

    • virginiamanda ha detto:

      Io quando me l’ha detto gli ho piantato un muso e una discussione di circa due ore, sia chiaro.
      Con il senno di poi, ma sai che invece un po’ aveva ragione?
      Nel senso che noi ci stressiamo tantissimo all’inizio a voler apparire brillanti, realizzate ed intelligenti, quando invece la maggior parte dei maschi è concentrata sulla nostra bellezza.
      E allora tanto vale non sforzarsi più di tanto e farsi ammirare.
      Fatica sprecata, no?

      Liked by 1 persona

      • avvocatolo ha detto:

        A parte gli scherzi condivido in parte ma per motivi diversi. La donna deve essere fiore perché da millenni la sua delicatezza, la sua capacità di spandere fragranza e colore nell’aria, la sua sensibilità da girasole che si piega sul gambo per seguire un raggio…tutto ciò da millenni ha sempre fatto girare la testa agli uomini nel profondo del loro cuore. A prescindere da zinne e tattoo che ti fan girare lo sguardo non la testa.

        Mi piace

        • vagoneidiota ha detto:

          Non è importante.
          Ritengo solo si debba sempre essere quel che si è. Non quel che l’altro vorrebbe a tutti i costi vedere.
          Ma sai che c’è un vento bizzarro che rammenta la fine dell’estate? Se chiudo gli occhi sento l’odore del mare.

          Mi piace

        • virginiamanda ha detto:

          Sono d’accordo. Ma ci sono certi momenti in cui non è un bene scoprirsi troppo subito. Se era riferito alla mia attuale condizione, io non ho mai fatto mistero di stare male dove mi sono trovata ad abitare, ed infatti mi sto muovendo per essere presto da un’altra parte. Non ho cercato di fare finta di essere quella che non sono, però ho scoperto tante cose che non pensavo di essere.
          Già, il vento ci ricorda che niente è per sempre.
          Un abbraccio

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...