Say Geronimo say Geronimo

Il momento d’ilarità di ieri.

Vedo vicino all’entrata un omone un po’ spaesato che si guarda intorno, per mano ha una bambinetta minuscola nel suo cappottino fucsia e con mille treccine in testa e un sorrisone stampato che le prende metà faccia.

Mi avvicino e chiedo se stanno cercando qualcuno.

Lavoro in un posto dove sull’insegna c’è scritto “Inglese” a caratteri cubitali, in cui la lingua di lavoro è l’inglese e mi dimentico ogni tanto che effettivamente siamo nel Regno di Svezia, posto parecchio a Nord del mondo dove sì, saranno pure in pochi, ma esiste una lingua ufficiale parlata dalla popolazione che si chiama svedese.

E quindi mi avvicino e chiedo “are you looking for someone?” (pronuncia all’italiana ariùluchìnforsamuàn?) senza pensarci troppo, e il tipo armadio a quattro ante mi guarda ancora più spaesato di prima.

Si gira verso la quattrenne in fucsia che tiene per mano con sguardo interrogativo e lei, supersquillante mi risponde subito “Yes! Yes! Someone! Someone!”.

Al che anche l’omone a quindici ante si illumina e tutto festante e contento di aver capito ripete pure lui: “Someone!!! Someone!!!”.

E io interrogativa guardo la bimba con fare “ma sei sicura?” e lei “Someone! Someone!”.

 

 

 

La faccio breve, il signore a quattro ante stava cercando il figlio, che si chiama…

ehm…

 

Samuel.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...