Lo que pasò pasò, entre tu y yo

Sono partita alle cinque di questa mattina in autobus per Madrid, a Madrid ho preso un volo per Zurigo, a Zurigo ho girato a vuoto per l’aeroporto (posso dirlo che è brutto? E’ brutto) (mi aspettavo di più da voi svizzerotti) ho sbagliato volo e lo steward (perché non ci sono mai donne quando faccio figuracce? Why?) mi ha detto in un italiano stentato che il mio volo era un altro, ho fatto dietro front e siamo andate a cercare (io e le mie occhiaie) un altro volo simile, l’abbiamo trovato, mi sono imbarcata su un veivolo piccolissimo (a cui mancava la fila tredici, ma noi non siamo superstiziosi!) dove ho rifiutato i cioccolatini che la hostess ha trovato il modo di rifilarmi mentre dormivo (troppo furbe ste’ hostess svizzere), sono atterrata a Malpensa dove stralunata e spettinata ho preso un autobus per Orio (dove sarebbe arrivato l’Orsacchiotto perchè arrivare allo stesso aeroporto pareva brutto) che si è fermato in varie stazioni tra cui quella di Lecco (che solo dopo cinque ore ho scoperto essere invece quella di Monza, dettagli), sono scesa ad Orio dove ho trovato milioni di passeggeri e accompagnatori ma soprattutto uno schermo con su scritto “volo da Stoccolma RITARDO” ho atteso pazientemente la prima ora accompagnata da un tramezzino e un romanzo di Oz (ora culturale), subito dopo ho atteso la seconda ora accompagnata dall’Internazionale e le chipster (ora intellettual chic de sinistra ma manco tanto), seguita dalla terza ora che ho atteso accompagnata da Donna Moderna e dalla puzza di quello a fianco perché lavarsi non è un’opzione contemplata (ora popolare populista pop), la quarta  ora l’ho attesa in piedi a fianco a famiglia di marocchini (ora dell’incomprensione dei popoli), la quinta ora l’ho attesa a fianco alle famiglie del Sud che attendevano i propri cari in arrivo da Lamezia e Bari con à figlia, à cognata, à zia (ora dell’incomprensione dei popoli, parte due) e poi finalmente è arrivato l’Orsetto.

Dopo l’ennesimo bus sono a letto.

Non sono riuscita ad andare a messa ma la mia Passione mi sembra di averla un po’ fatta per oggi.

Buona Pasqua a tutti!

Annunci

2 pensieri su “Lo que pasò pasò, entre tu y yo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...