Regalami un libro (tanto pago io!)

Dunque, tra due settimane finisco. Lo dicevo che febbraio finalmente, che febbraio bla bla bla, che febbraio eh sì, che febbraio oh là.
Ed eccoci a febbraio.
Naturalmente in questi giorni non posso ancora tirare il fiato: incubi, ansiette, fiato sul collo, scadenze, incontri, passaggi, promemoria, liste di cose da fare, che diventano fogli di liste di cose da fare, che diventano quaderni di liste di cose da fare… ma ecco: ho trovato un modo per tenermi a galla.
Cosa fa uno quando sa di avere davanti del tempo da poter impiegare a proprio piacimento?
Eccolalà: legge.
Quindi ho deciso di permettermi questa follia (e nà volta tanto!) e di fare un bell’ordine di libri.
Sì, amigos, proprio “ordine” percè qui ci si sta facendo anziani ed io ho troppi anni di valigie sulle spalle a trasportare “The book of Job”, storie dell’Antico Testamento, orlandi furiosi e vocabolari di latino in giro per l’Europa che ora, ho deciso di farmeli recapitare direttamente a casa.
Quindi sto facendo un ordine a tre cifre di libri.
Sono così contenta che sto prendendo pure libri a caso, per dire.
Ne prendo uno che vorrei leggere, mi faccio guidare dalla casa editrice, trovo un nome che mi ispira e zac, inserisco pure lo sconosciuto.
Ormai ho finito l’età (ma ci sarà poi un’età per queste cose? O sarà solo una maturata consapevolezza di non DOVER sempre stupire gli altri? O anche semplicemente rendersi conto che per “essere all’altezza” degli altri… basta meno?) in cui si leggono i classici “per dovere”, per sentirsi meno ignoranti, ho finito pure i libri ” per piacere” adesso voglio proprio divertirmi.
Non mi interessa come mi guarderà quello che si siederà davanti e leggerà il titolo mentre sono in metro.
Sono finiti i tempi in cui in Spagna mi sentivo in imbarazzo a leggere Lolita.
Chi se ne frega!
E adesso vorrei chiedere, visto che io al blog non chiedo mai niente, se non che registri la traccia dei miei cambiamenti (per rendermi conto che non cambio mai, in realtà), ma se invece di farmi scegliere a caso i lettori del blog mi consigliassero un libro?
Dai, se vi va (che strano mi fa chiedere in un post, non l’ho mai fatto, mi mette in imbarazzo e poi magari non risponde nessuno…) mi scrivete un libro?
Poi io lo compro, promesso!

Annunci

14 pensieri su “Regalami un libro (tanto pago io!)

  1. smilablomma ha detto:

    yeah! allora, scelgo tra cose recenti chè i classici tanto vanno bene tutti. invece ti dò tue YES e un NEVER EVER.
    YES 1: “Hanno tutti ragione” di Paolo Sorrentino
    YES 2: “Open” di Andre Agassi
    NEVER EVER: “Autobiography” di Morrissey
    Enjoy!

    Mi piace

  2. Cassandra ha detto:

    “Igiene dell’assassino” o “stupori e tremori” di Amelie Nothomb
    “26A” di Diana Evans (è stupendo e scritto benissimo)
    E il racconto “Wild Swans” che si trova in “Who do you think you are?” di Alice Munro 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...