Quella più difficile

Ieri scrivevo che avrei dovuto prendere una decisione, una cosa importante.
Ecco. Mi sono rigirata nel letto un po’ stanotte. Parecchio stamattina.
Mi sono alzata e ho camminato un po’. Ieri sera ho anche obbligato l’Orso a mettersi un paio di pantaloni e fare una passeggiata davanti al mare (sì, è n lago, vabbè, fa lo stesso, è collegato col mare!). Ho bevuto molta acqua.
E ho ripensato ad alcune di queste “scelte” (che a me sembrano grandi e per gli altri sono solo una frase sentita pronunciare da me) che hanno trapuntato gli anni dall’esame di maturità in poi.
Sono molto simili tra loro: c’è sempre un lavoro in mezzo, che è sempre lo stesso (con le dovute piccole impercettibili differenze del caso), c’è sempre un Paese che non è l’Italia, ci sono sempre almeno due notti insonni (con gli anni è diventata una sola) e c’è sempre (per fortuna) qualcuno che mi vuole bene che mi ascolta delirare per tutto il processo.
E così, ripensandoci, ho trovato la chiave che mi ha permesso di prendere decisioni finora.
“Fa sempre la cosa più difficile”.
Per spavalderia o per vanità, ho sempre scelto secondo questo criterio.
Ma non per complicarmi la vita inutilmente, ma solo perché se mi è offerta una possibilità difficile e le persone che me la offrono pensano che io sia in grado di farlo, rinunciarci equivale anche a rinunciare alle competenze che posso acquisire e alla soddisfazione che ne trarrò dopo.
Così ho deciso, all’abbraccio stamattina, alla mail di conforto, al sole che c’è fuori.
Quest’anno non vado in vacanza.
Quest’anno inizio un lavoro difficile, a tempo pieno, in un posto particolare, dove non avrei mai potuto sperare di essere presa, parlando solo lingue che non sono la mia.
Ma c’è un momento in cui si decide di diventare grandi, di affrontare le scelte.
Di fare la cosa più difficile.

In bocca al lupo a me.

Annunci

7 pensieri su “Quella più difficile

  1. Topper ha detto:

    Hai tutta la mia ammirazione! Anche io ho fatto scelte simili in passato e sarei curioso di sapere dove andrai. Mi piace anche la filosofia: forse nel lavoro funziona meglio, mi chiedo se lo sia anche per il resto. In ogni caso, in bocca al lupo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...