Registrazione delle frequenze anomale

Se esistesse un rilevatore di frequenza d’uso per parole ed espressioni usate/sentite nei giorni tra Toscana/Puglia/Basilicata/Campania/RiBasilicata/RiPuglia (da giovedì notte a stanotte, troppo pochi giorni per così tanti chilometri) avrebbe rilevato l’aumento sconsiderato delle seguenti:
– caffè
– ceniamo/dove andiamo a cena/facciamo una cena
– mangiamo/cosa mangiamo/dove andiamo a mangiare/vi porto a mangiare in/ siamo invitati a mangiare da
– assaggia/assaggiare/prova/ hai mai assaggiato/ hai mai provato/ eri già stata in questo ristorante/ bar/ enoteca/ trattoria/ macelleria
– ne vuoi ancora/ ne vuoi/ senti questo/ ma non hai mangiato niente/ adesso ti faccio portare
– devi assolutamente sentire/ provare/ assaggiare questo/ questa delicatissimo/ delicatissima pizza/ focaccia/ crostone/ carboidrato a scelta
– ma in Svezia questo non lo trovate/ mangialo/ bevilo ora che poi chissà quando sarà la prossima volta
– ma se non avete mai provato/ bevuto/ mangiato il gelato/ il dolce/ il croissasnt crema ed amarena/ il tartufo di Pizzo/ lipide a scelta/ allora ve ne faccio portare una selezione

Sono stata benissimo.
Poi ieri ho preso l’autobus Matera- Aeroporto di Bari (ma l’hanno intitolato a Modugno per via di Volare oh oh?!) e memtre guardavo fuori dall’autoradio Irene Grandi cantava “io ti dico addio, tu mi dici ciao” e io non so se devo prenderla come una minaccia per il mio fegato…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...