Volunteering in India: open positions!

Ma io mi chiedo:

ma tutti questi che vanno a fare i volontari in India… ma quanti sono???

Ma l’India ce l’ha il posto per tutta sta gente?

E tutti quelli che vanno a fare il giro del Sudamerica?

Ma il Sudamerica ce l’ha il posto per tutta questa gente?

 

Io lo so che fare il volontario all’ospedale vicino a casa tua o nella casa di riposo a cinque km non è esotico, però secondo me le pipì degli asili in India sono più o meno le stesse di quelle negli ospizi in Italia.

Ma forse no, sono io che sono cattiva, sbagliata, e non capisco.

Mah.

 

E poi tornano tutti e ti dicono: eh, ma ti rendi veramente conto che la gente è povera, non ha niente.

No vabbè, ma io secondo te ho bisogno di spendere mille euro di volo e pulire pipì per tre mesi in India per sapere che in India la gente è povera?

E grazie al c*zzo!

Mi guardavo un documentario e spendevo meno, no?

No.

 

Sono io che sono cattiva, sbagliata e non capisco.

 

E poi tornano e ti dicono che la vita non è fatta di tecnologia, che bisogna tornare alle cose semplici.

Che loro l’hanno capito.

E tu no.

E quindi te lo devono spiegare.

 

Ma io dico, io, io che sono cattiva, sbagliata e non capisco niente.

Ma secondo te, io, da un deficiente che ha speso mille euro di volo ed è andato a pulire pipì in India, ho pure voglia di farmi spiegare le cose?

Cosa mi dovrà mai insegnare?

 

Che in India sono poveri. E che lui l’ha capito.

 

Sia chiaro che io non ce l’ho con gli indiani, poverini, che già devono sopportare i deficienti occidentali che vanno là con la bandana in testa a fare i salvatori e manco sanno girare una lampadina, martellare un chiodo o pulire la pipì da terra;  io ce l’ho con i deficienti che partono deficienti e tornano, se possibile, ancora più deficienti, ma con la scusa del “io ho visto” si permettono di romperti le scatole più di prima.

 

 

 

 

Ps: io voglio bene a tutti, basta che non mi rompano le scatole, questo è chiaro, per me tutti possono fare quello che vogliono, è chiaro, decidete come vi pare e moltiplicatevi (non troppo però che le urla dei bambini sono francamente insopportabili), però…

è che ho appena fatto un giro sul Couchsurfing.

Annunci

5 pensieri su “Volunteering in India: open positions!

      • miononnoincarriola ha detto:

        No volontari in Italia. Per dire, si sbattono ad andare fin là e nel proprio Paese c’è gente che ha bisogno ma se ne fregano.

        Mi piace

        • virginiamanda ha detto:

          E certo! Mica è spendibile socialmente dire “faccio il baby sitter volontario per le famiglie immigrate che non sanno a chi lasciare i bambini” anzi secondo me ti considerano uno “sfigato”. Però se fai il gap year in India “collaborando con associazioni no profit” e tenendo i bambini “in una preschool indiana” è tutta un’altra cosa! 😉

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...