-Ti prego facci rimanere qui sul monte con te ed Elia, costruiamo tre tende, e stiamo qui!- dissero i discepoli- Perché?- chiese il Messia (Perché giù è pieno di brutta gente, risposero)

E’ da un bel po’ (diciamo circa diec’anni) che adotto la strategia: io non rompo le scatole a nessuno con le mie convinzioni/ ideali/ norme morali/ categorie/ fede.

Siccome so che se dichiari di appartenere a o sostenere una parte politica o credere in una religione o avere una scala di valori la gente poi si aspetta che tu sia coerente, e ti viene a chiedere il perché ed il percome delle tue scelte, io non dichiaro.

Così, penso, se io non ti dico che sono cattolica tu poi non mi attacchi un pippone di due ore con il fatto che “Che razza di cattolica sei e le relazioni sessuali prematrimoniali? E i contraccettivi? E l’aborto? E le unioni tra persone dello stesso sesso? E l’eutanasia? E come fai a credere in una Chiesa che è una banda di corrotti pedofili?E nelle suore che sono lesbiche? E poi lo sanno tutti che la Maddalena era la moglie di Gesù?” ma soprattutto ” ma tu come fai a dire che sei cattolica se poi pratichi solo le norme che paiono a te?”. Come se chiunque : a) sapesse come vivo io (potrei essere vergine e vestita di un cilicio sotto gli abiti, e che ne sanno loro?) b) sapesse a perfezione il catechismo della Chiesa Cattolica ed avesse letto tutto il Vangelo più Atti più Lettere varie.

Quello che noto, in quelle persone che vogliono farmi la morale è che la fanno spinte da un desiderio di rivalsa dalle proibizioni a cui hanno dovuto sottostare in passato, per colpa di un’educazione cattolica eccessivamente conservatrice. O magari hanno avuto a che fare con cattolici particolarmente ferventi che hanno fatto di tutto per convertirli.

E quindi se la prendono col primo cattolico che passi.

Di conseguenza la mia strategia è sempre stata: io non cerco di fare proselitismo, non cerco di convertire nessuno, mi vivo da sola le mie contraddizioni mi cerco di risolvere i piccoli grandi dubbi che mi possono venire.

Questo anche per la politica: pensavo che se io non mi fossi ostinata a convincere l’altro ad accettare le mie posizioni e a farle proprie, l’altro non l’avrebbe fatto con me.

Pensavo che non rompendo le scatole al prossimo, il prossimo non le rompesse a te.

Inutile dire che…

mi ero sbagliata.

Annunci

2 pensieri su “-Ti prego facci rimanere qui sul monte con te ed Elia, costruiamo tre tende, e stiamo qui!- dissero i discepoli- Perché?- chiese il Messia (Perché giù è pieno di brutta gente, risposero)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...