Ci penseremo

La neve, il vento, un paragrafo che invece di diminuire aumenta (true story) mi aiutano a pensare.

In questi giorni, ho pensato molto.

Ieri poi, mi telefona, felicetto, dice che lo mandano in Norditalia. Cosa ca**o ci verrai mai a far in Norditalia amore mio del Suditalia che ti conobbi in Centritalia? Eh, me lo chiedo. Ma soprattutto coniugo il fatto che lui viene spostato da una parte all’altra dell’Italia mentre io potrei decidere di andare ovunque.

E così, ho pensato che per due ragazzetti felicetti come siamo noi, con i nostri titoli e la nostra voglia di fare, in salute e con gli occhi aperti non ci sarà mai un futuro assieme.

Perché potremmo coincidere nello stesso posto per -quanto?- mezz’ora ma poi? E se vengo presa in Bervondia? E lui magari sarà in Gialendia? E quando io riuscirò ad arrivare in Gianlendia, magari lui sarà di nuovo in Italia o nel Paese di Chennessò.

Insomma, è bello girare e non avere mai casa (soprattutto quando non avrò più libri da portarmi dietro, visto che questa specialistica fatta inconsupertrafra tre Stati mi è costata un botto in termini di kg negli aeroporti e spedizioni di posta internazionale, che se sommo gli stessi soldi mi ci facevo un embiéi) ma l’amore?

Io ho pensato che sarà così: un giorno uno dei due dovrà dire: rinuncio. O l’amore o il girogiro.

Per il momento è andata bene: io sono ferma in Italia per la tesi in progress. Ma appena sarà finita? Chissà.

Lui dice ci penseremo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...