Considerazioni sulle “prove d’amore”

Che poi, uno fa presto a dire ooooh, con gli occhi sognanti, ma che bello, ma che bravo, si è fatto tutti quei km per venire DA TE dalla Germania, sposalo.
Ennò.
Ed esporrò ora le mie considerazioni riguardo alle prove d'amore in genere ed a questa in particolare.

Allora, al netto dagli eroi romantici di questa minch*a, uno che prende e si fa (nello specifino) 817 km in macchina non dimostra amore, bensì:

1. che ha una macchina
2. che sa guidarla
3. che sa guidarla per un tempo abbastanza lungo

Inoltre: il gesto in sè (che poi, cosa vuol dire in sè come se i gesti si potessero prendere e togliere dal contesto, impossibile) potrebbe anche essere una prova d'amore (che è il piano in cui l'ha messa lui), ma per esserlo dovrebbe:

1. essere stato richiesto (esempio: ti lascerò se non verrai in Italia da me)
2. essere stato implicitamente richiesta (esempio: tu non fai mai niente per me, dimostrami che puoi fare qualcosa)
3. essere il punto di partenza per qualcosa (tu vieni in Italia da me, perchè hai deciso che vuoi trasferirti qui o prendermi e portarmi via)

Proseguiamo: la prova d'amore deve essere sia una prova che d'amore. Ovvero:

1. essere una prova: un ostacolo, qualcosa che si farebbe davvero fatica a fare in condizioni normali
2. d'amore: lo si fa perchè si ama l'altra persona, quindi per il suo bene, per farla stare bene

(C'è da dire che io dopo averti lasciato ti ho chiesto esplicitamente e ripetutamente di non venire, quindi non lo stai proprio proprio facendo per me)

Il fatto che tu, dopo che io ti ho lasciato, (e l'ho fatto per i seguenti motivi:

1. abitiamo parecchio lontani
2. non funzioniamo bene assieme
3. sto con un altro)

prenda e venga in Italia in macchina facendoti 817 km quale delle condizioni appena citate può cambiare?

1. Non cambia la distanza, perchè dopo questa settimana io rimango in Italia e tu torni in Germania
2. Non cambia la nostra incongruenza
3. Non mi fa lasciare la persona con cui sto

Ultima considerazione a latere delle suddette prove d'amore.
Le prove d'amore vanno apprezzate soprattutto sulla personalità di chi le fa. Su quanto il suo carattere sia lontano da quel gesto che gli viene richiesto, e quindi quanto sia in grado di superare se stesso ed i suoi limiti per farlo, per solo amore.

Nel caso specifico, lui è un viaggiatore. Prendere e farsi 817 km per venire in Italia la sua settimana di ferie non è esattamente da considerare una magnifica prova d'amore.

Conclusione finale: ok, mi sto giustificando.

Annunci

2 pensieri su “Considerazioni sulle “prove d’amore”

  1. Virginiamanda ha detto:

    Esatto!
    Proprio sotto il concetto di prova d'amore c'è quello di ricatto morale: se tu non fai ics, allora io non sto più con te/te la faccio pagare/etc.
    Io non ho bisogno di uomini che facciano "cose" per me o che mi diano "cose". Ho bisogno di uomini che siano contenti di starmi accanto e che mi facciano sentire contenta con la loro sola presenza. Basta. Magari chiedo troppo, eh!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...