Sono a Focea.
E´un paesino meraviglioso sul mare.
Probabilmente l´ultimo che vedró in questo viaggio di nove mesi. L´ultima vacanza.
Ed anche il momento della conversazione importante: cosa faremo?
Lo sapevo che. Lo sapevo. Lo sapevo davvero?
In cosa avevo creduto davvero?
Ora devo prendere le cose con fılosfia, con maturitá… con tutte quelle cose che probabilmente ho perso un sacco di tempo fa.
Cis tiamo lasciando. Siamo all´ultima vacanza assieme, sono seduta alla reception ed attorno ho turchi che discutono se sia meglıo la mussaka turca o quella greca, capisco il turco meglio di quando sono arrivata, (il miglioramento quando si parte da zero é abbastanza facile, c´é da dire eh), ora so che posso abitare in un posto in cui non sono mai stata prima e di cui non capisco una cippa, solo avendo un lavoro ed un sorriso.
Sono anche riuscita ad innaorarmi per la prima volta in vita mia.
Ed anche ad essere lasciata per la prima volta in vita mia.
Non facosí male.
Forse perché non sono ancora a casa davvero. Forse perché so che ora quando avró spento il computer lui sará ancora vicíno.
Io sono cambiata, sono pıú disponibile a capire gli altri, meno schizzinosa di sicuroç Le cose che ho fatto per la prima volta in questi nove mesi non si contano. Tra il mangiare cose cucinate per strada al bere nei bicchieri altrui all´usare la turca all´essere scalza in posti per niente igienici secondo i nostri starndard italiani intendo, al fare pipí praticamente sulla strada, all´uscire praticamente nuda (per gli standard italiani intendo) al mangiare senza bere, al vivere senza maiale e senza alcol, all´ubriacarmi senza ritegno, al fare l´amore in posti pubblici, al rischiare il carcere (farlo neı bagni dei locali di Istanbul non é molto ben vistoş sapevatelo)…
Ed ora bitti. Finitoö in turcoç
La cosa peggiore é che non riesco a vedere una soluzione possibile.
Luı deve stare in Germania due anni prima di potersi muovere di nuovo ed io non so il tedesco (e non voglio abitare ın Germania).
Unica soluzione? Salutarci, mercoledí sera.
A tra due anni, forse. A mai, forse.
Come si fa a dire addio ad una persona che <almeno cosí credi> é la persona giusta?

Annunci

2 pensieri su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...