Sai cos'è successo ieri?
E' successo che ero a casa mia con la rumena, la finlandese e la spagnola. (Sembra una barzelletta: ci sono una rumena, una finlandese, una spagnola ed una veneta… e poi alla fine succede qualcosa per cui la veneta si rivela la più imbecille del gruppo)
Chiuse dentro casa compievamo un atto profondamente eversivo: bevevamo alcol e mangiavamo maiale. E solo donne.
Quando sono uscite tutte mi sono messa a lavare i piatti con quel sollievo di chi ha passato una bella serata. E mi ha chiamato un numero privato.
Un uomo ripeteva il mio nome, con voce lenta e quasi soffocata, lo ripeteva lo ripeteva… Chi è ho chiesto in inglse, l'ho sentito farfugliare qualcosa in turco e poi di nuovo il mio nome, il mio nome, il mio nome…
Ho buttato giù. Era notte, ero a casa mia, in un Paese straniero dove conosco solo poche persone e qualcuno chissà come ha il mio numero e si permette di chiamarmi?
Mi ha richiamato altre tre volte, ogni volta la stessa sequenza: il mio nome il mio nome, detto lentamente e ripetutamente, e poi alla mia richiesta di spiegazioni in tutte le lingue che mi venivano in mente qualcosa in turco ed io che sbattevo giù il telefono.
A volte ci si sente soli.
E' lecito ogni tanto, lasciarsi andare, abbandonare la corazza nell'angolo ed avere semplicemente ed irrazionalmente paura?
Paura e basta.
E' così strano, così difficile da capire?
Tutti sono attorno a te sempre e se hai bisogno chiama, e se ti serve sono qui, e sono qui, non è che avevi bisogno di qualcosa?
Alla fine finisci per chiedere solo per soddisfare le loro aspettative più che per un'effettiva necessità.
Io a volte vorrei solo riposare, stare da sola, non essere obbligata a parlare inglese tutto il tempo, non dover sorridere in modo finto ad ogni domanda stile "allora ti piace la Turchia?" .
Ho paura di tante cose.
Ho paura che sia cambiato il mio modo di pensare.
E' così diverso essere donna qui.
Ho messo la gonna stasera.
E mi sentivo una grande rivoluzionaria.
Ho paura che quando tornerò in Italia sarò sulla difensiva e bacchettona tutto il tempo, ed anche se penso ogni minuto: mi mancano solo undici giorni, solo undici giorni, solo undici giorni al vestirmi come mi pare ed al mangiare e bere quello che mi pare, anche se me lo ripeto perchè non ci credo abbastanza… ecco, ho paura che quando atterrerò mi sembrerà tutto diverso e troppo volgare…
Ho paura che avrò solo voglia di rifugiarmi tra le braccia di mamma e piangere tutto il tempo ripetendo senza sosta: ma chi me l'ha fatto fare?

Advertisements

0 thoughts on “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...