Il post che non volevo scrivere

Gira, gira giraci intorno. Non mi sento più la stessa. E io ho sempre trovato insopportabili quelle che dicono "la maternità ti cambia"/ "capirai quando avrai figli"/ "dopo la nascita di un figlio non sei più la stessa". A dire la verità, pure quelle che si comportano esattamente identicamente a prima mi hanno sempre dato … Leggi tutto Il post che non volevo scrivere

E siamo a maggio: com’è andata finora

(Chiarimenti per leggere questo post nella nota in fondo, contrassegnata dall'asterisco*) Eccomi, sto bene e stiamo tutti bene. Siamo rimasti ad un giorno di due mesi fa in cui sono entrata in ospedale per un dolorino alla pancia e dopo tre ore ne sono uscita con una minorenne a carico. Per tutta la vita. [Messa … Leggi tutto E siamo a maggio: com’è andata finora

Out in ten minutes

Alla fine della mia prima visita ginecologica in Australia, dopo mille domande e test psicologici, l'ostetrica mi aveva salutata riempiendomi le mani di opuscoli e libretti titolati "Essere in gravidanza" o "Avere un bambino". "Mi raccomando: non apra più Facebook, non legga blog e non legga forum. Non chieda alle amiche e non chieda a … Leggi tutto Out in ten minutes

Virgawards: cose belle da leggere e guardare che non c’entrano niente

Vi leggo nervosetti, e devo ammettere che pure io a pochi giorni dalla data presunta dal parto non è che mi senta tanto tranquilla (specialmente dopo i filmini che ci hanno mostrato al corso preparto, molto, ehm, come dire, espliciti... l'Orso si è girato a guardarmi dopo il primo video - parto vaginale - e … Leggi tutto Virgawards: cose belle da leggere e guardare che non c’entrano niente

Storia di un isolamento forzato di 36 giorni

E' andata così, il giorno di Santo Stefano l'Orso è partito per il Cile per una trasferta di lavoro di trentasei giorni e io sono rimasta da sola in Australia. Ok, non propriamente da sola, mi ha rimbeccato lui: "Almeno stavolta non ti lascio da sola, guarda che panzone!". (Sempre carino nel farmi presente le … Leggi tutto Storia di un isolamento forzato di 36 giorni

Le polemiche del mese: la mia imperdibile opinione

(Sono così lenta a scrivere che il primo titolo era "Le polemiche della settimana"). Iniziamo l'anno con il botto: con la mia imperdibile opinione su tre fatti salienti del mese. Lo so anch'io che non se ne sentiva il bisogno, ma sono stata costretta a stare chiusa in casa per via del fumo che si … Leggi tutto Le polemiche del mese: la mia imperdibile opinione

Ne vedremo delle belle

Non volevo chiudere il 2019 con un post di lagna come l'ultimo. Perché in realtà quest'anno mi ha dato molti più momenti di gioia, sorpresa, soddisfazione e pace che di tristezza. Avevo preparato un post in cui spiegavo per benino i libri letti, i posti visitati, le emozioni salienti provate e le soddisfazioni ma ormai … Leggi tutto Ne vedremo delle belle

So, you are nearly due, huh?*

*  "Quindi sei quasi al termine, no?" Così mi ha detto sorridendo la cassiera del supermercato stamattina. Nooo, volevo scoppiarle a piangere su una spalla, noooo signora, noooo, il termine è ancora lontanissimo, prima di marzo qua non si vedrà niente e sono una balenaaaa. E invece sorridendo le ho risposto che partorirò a marzo … Leggi tutto So, you are nearly due, huh?*

La valigia più difficile

Ho fatto tante valigie in vita mia, ma mai come questa volta sono stata in difficoltà. Oggi parto per l'Australia. E' stata una scelta sofferta, lunga, piena di dubbi e ripensamenti. Mi ha convinto che: voglio stare il più possibile con l'Orso. Questa gravidanza lui non l'ha proprio potuta condividere con me, tra mille trasferte … Leggi tutto La valigia più difficile

Charlie e il bilinguismo

(Questo è un post che ho in canna da vario tempo, ma che non riuscivo a scrivere perché non trovavo la giusta dimensione tra una descrizione tecnica e una più umana. Alla fine ho scelto l'approccio umano, e se viene qui qualche ricercatore... pazienza, mi prenderò le mie!) Ad aprile conosco Charlie, uno studente sedicenne … Leggi tutto Charlie e il bilinguismo